Zona Tempio, in arrivo un bar – giardino e un ristorante

Condividi su i tuoi canali:

None

I risultati del bando pubblico promosso dal Comune per l’apertura di 2 nuovi locali

 

Un ristorante che offrirà prodotti di gastronomia locale e un bar ambientato in un giardino floreale, che accanto a tè, caffè e tisane metterà in vendita anche piante e fiori: sono questi i due progetti innovativi premiati dal secondo bando pubblico del Comune di Modena per la zona Tempio, che rilascia gratuitamente due autorizzazioni per pubblici esercizi come bar, locali d’intrattenimento o ristoranti. La graduatoria del bando, che si è chiuso lo scorso 19 maggio, è stata pubblicata il 18 luglio sul sito web dell’assessorato alle Politiche economiche del Comune di Modena (www.comune.modena.it/economia) e affissa all’albo pretorio. Nel frattempo, l’11 luglio, si è chiuso anche il terzo e ultimo bando della zona Tempio, che concederà contributi economici per l’apertura a 6 progetti imprenditoriali innovativi: la graduatoria tra le 9 domande pervenute sarà pubblicata il 17 ottobre.

“”Sono soddisfatto di come i tre bandi di questo primo anno di riqualificazione hanno trovato risposta nella voglia di investimento degli imprenditori modenesi””, afferma l’assessore alle Politiche economiche del Comune di Modena Stefano Prampolini: “”il tessuto economico della zona tempio ha risposto bene, smentendo le voci fuori dal coro che indicano questa zona non interessante dal punto di vista commerciale. La zona dimostra invece, anche in previsione futura, forti potenzialità commerciali che certamente contribuiranno a migliorare anche la sicurezza e la vivibilità””.

Il progetto di ristorante, che sarà realizzato adeguando i locali del Circolo Dopolavoro Ferroviario in via dell’Abate, è stato premiato per la potenzialità del servizio di ristorazione che si estende a nuovi clienti, ampliando l’attuale offerta rivolta soltanto ai soci del Dopolavoro. Il ristorante ha una localizzazione strategica per il presidio della zona Tempio anche nelle ore serali, gli addetti hanno dimostrato di avere maturato grande esperienza imprenditoriale e gli spazi disponibili sono adatti anche per altre iniziative, incontri e attività di intrattenimento.

Il progetto di bar “”Il giardino della meditazione”” in via Ciro Menotti è stato apprezzato per l’idea innovativa e originale: gli spazi saranno attrezzati per coniugare la vendita di piante e fiori con la degustazione di caffè, the aromatici e vini da meditazione, all’interno di un percorso espositivo di piante da interno e da esterno.

Il bando che concede le due autorizzazioni per pubblici esercizi fa parte di un pacchetto di interventi predisposti per qualificare e potenziare il tessuto economico della zona Tempio, incentivando gli imprenditori a investire nell’area per renderla più attrattiva e vivibile. Questo intervento fa seguito al finanziamento di oltre 100 mila euro stanziato per la riqualificazione interna, esterna e organizzativa delle attività che già sono aperte nella zona Tempio. I beneficiari del finanziamento sono 17 attività commerciali, artigianali e di servizio che, a fronte degli incentivi pubblici, convoglieranno sull’area 420 mila euro di investimenti privati. Infine, con il terzo bando, saranno premiati i progetti imprenditoriali innovativi, che integrano la vendita di prodotti e servizi, valorizzano la cultura produttiva, le tradizioni della città come motori, musica, moda e gastronomia, le vocazioni economiche e le trasformazioni urbane dell’area. Ai progetti che risulteranno vincitori sarà assegnato un contributo fino a 15 mila euro per un totale di 90 mila euro previsti dal fondo. Gli interventi sull’economia della zona Tempio sono in sinergia con i progetti di qualificazione urbanistica, gli interventi sull’arredo urbano, le iniziative di animazione e gli appuntamenti culturali programmati dal Comune di Modena per migliorare le potenzialità economiche, la qualità ambientale e la vivibilità dell’area.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo