World Press Freedom Day 2010

Condividi su i tuoi canali:

Segnaliamo la giornata mondiale della Libertà di Stampa non dimenticando ciò che sottolineava George Orwell “ Nel tempo della bugia e dell'inganno, dire la verità è un atto rivoluzionario""

Lunedì 3 maggio 2010 si è celebrata in tutto il mondo la XVIII giornata mondiale della Libertà di Stampa: ridendo e scherzando l’Italia viene collocata  al 74esimo posto: davanti a noi tutti gli Stati dell’Europa Occidentale.

Notizia questa che non commentiamo, non per carità di patria, ma bensì per carità di popolo che, spesso e volentieri, quando qualcosa non gli torna, trova molto utile mettere la testa sotto la sabbia o si consola mediante abbondanti scorpacciate di inganni propaganda. Dunque su questo delicato tema del diritto alla verità per tutti lasciamo ad ogni lettore le proprie convinzioni che si è costruito al riguardo anche se sappiamo perfettamente che tacere, nascondere o negare anche solo in parte la verità è un atteggiamento semplicemente indegno, incivile e vile.

Diverse sarebbero le stranezze e le altre facce di verità da far emergere anche questa settimana perché apparse sbiadite o sfuocate sui media che riteniamo tra i più autorevoli e affidabili. Fra le tante notizie  abbiamo scelto un articolo di “economia” a firma di Oscar Giannino, giornalista solitamente non vittima di  fanatismo.  Un approfondimento che  potete trovare pubblicato integralmente su www.chicago-blog.it/ e del quale offriamo una sintesi “perché certe cose non è bene farle conoscere al popolo sovrano!”

Uno scenario esplosivo, da buona notte a tutti

di Oscar Giannino

 

Prima un antipasto, questo bel Martin Feldstein che Dio ce lo preservi a  lungo…

Ma dopo che vi siete appena amareggiati il palato, fatevi andare tutta la cena per traverso con queste 65 pagine di spietato realismo. Ve le raccomando davvero. L’autore è William Buiter…

E’ la più completa, analitica e documentata analisi comparata e complessiva della situazione di finanza pubblica mondiale che abbia letto recentemente. Se i politici italiani frequentassero consimili letture, avrebbero un dato di cui menar vanto e 65 pagine di cui spaventarsi…

Il dato è quello della figura 7 a pagina 16: che ci crediate o no, per dare stabilità alla sua finanza pubblica l’Italia deve correggere il suo deficit tendenziale con misure strutturali non superiori a 4 punti di Pil tra 2010 e 2020 per giungere al 60% di debito pubblico al 2030, cioè meno della metà di quanto ormai serva alla media dei Paesi Ocse…

Ma la notizia è che Stati Uniti, Regno Unito e Giappone hanno tutti bisogno di aggiustamenti strutturali superiori al 10% di Pil, cioè – sì, avete capito bene – maggiori di quelli che servano alla Grecia per evitare il default…

Altro che fine della crisi.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Grande fucile, piccolo cervello

L’attentato a Trump  ha mostrato gli incredibili punti  deboli, le falle nella sicurezza, della più grande democrazia del mondo anche se non sono mancati anche

Concorso Futuri Maestri

Sabato 13 luglio alle ore 18.30, presso Spacegallery di via Bonaccini 11, si è svolta la seconda edizione del concorso Futuri Maestri – Eccellenze creative