WI FI LIBERO SU BANDA LARGA IN 30 LUOGHI ENTRO L’ANNO

Condividi su i tuoi canali:

None

WI FI LIBERO SU BANDA LARGA IN 30 LUOGHI ENTRO L’ANNO

Individuate le aree per l’installazione dei primi hot spot che consentiranno una navigazione più facile e veloce. Avviato il percorso per Modena smart city

Sono 39 i luoghi di Modena già individuati per l’installazione dei primi hot spot che consentiranno ai modenesi e ai turisti in visita alla città di collegarsi a internet in modalità wi fi attraverso la banda larga. Dei primi 39 punti individuati, almeno 30 hot spot saranno installati e in funzione entro l’anno.

È in questo modo partito il percorso per Modena smart city, a cui la Giunta comunale ha dato il via l’8 agosto approvando la delibera relativa alle “Prime Azioni per lo Sviluppo delle tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione e per una città intelligente” che sarà illustrata al Consiglio comunale nella prossima seduta.

“I nuovi hot-spot della rete wi-fi comunale – spiega l’assessore a Bilancio, Sistemi informatici e Smart City Ludovica Carla Ferrari – saranno caratterizzati, a differenza di quelli attuali, da accessibilità immediata e libera per una navigazione flessibile e veloce che consenta di sfruttarne al meglio le potenzialità di internet”.

Gli hot-spot avranno infatti una potenza di segnale molto elevata essendo connessi alla rete in fibra ottica Man, portatrice di banda larga fino a un massimo di 100 mega. Il costo per l’installazione dei primi 30 punti di accesso sarà inferiore ai 30 mila euro e per la realizzazione della rete il Comune, che opererà perlopiù attraverso le proprie strutture tecniche, si avvarrà della collaborazione di Lepida spa.

Complessivamente l’obiettivo di rete della nuova struttura per la copertura wi-fi della città, fissato dalla Giunta, è un punto di accesso ogni mille abitanti e per il suo raggiungimento il Comune di Modena richiederà la collaborazione di Provincia e Regione. “La nuova rete – continua l’assessore – completerà l’attuale infrastruttura di I-Modena, la rete wi-fi che il Comune ha promosso insieme a Telecom e Banca Popolare Emilia Romagna, offrendo un servizio che sfrutta le potenzialità tecnologiche e normative oggi disponibili e che quindi sarà più potente e più flessibile. L’infrastruttura che ci prefiggiamo, oltre a rispondere meglio alle esigenze di cittadini, imprese e visitatori, costituisce il presupposto per diffondere l’utilizzo di una serie di applicazioni che potranno migliorare l’accoglienza turistica in città”.

Rispetto al traffico dati telefonico, il wi-fi su banda larga consentirà l’accesso a un flusso di dati superiore. Inoltre, la connessione avverrà senza autenticazione mediata dalla richiesta di credenziali, consentendo un utilizzo più facile anche a chi si trova in città solo di passaggio.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Alla zappa! Tutti, senza distinzioni.

Nel recente passato e tutt’ora, anche se in misura minore, c’era l’abitudine di invitare alla zappa le persone negligenti, gli scansafatiche, gli incapaci … chi

Terzo mandato

La possibilità di un terzo mandato per i presidenti di regione è stato respinto in Commissione affari costituzionali del Senato; tutti contrari, maggioranza e minoranze

Mostra su Toulouse-Lautrec

Giovedì 22 febbraio 2024 inaugurata a Palazzo Roverella di Rovigo la grande Mostra su Toulouse-Lautrec (1864-1901) più di 200 opere per raccontare il sublime artista