“”WELFARE E COSTO MENSE SCOLASTICHE: MODENA MODELLO SI’, MA PER COSTI RECORD””

Condividi su i tuoi canali:

None
 
Andrea Galli (FI): Oggi le discriminazioni non sono quelle fotografate dalla recente assurda legge sulla omotransegatività, ma quelle che colpiscono i genitori che tutti i giorni devono far quadrare i conti di casa
 
“”Per il pranzo alle scuole Elementari del proprio bambino una famiglia modenese spende in media 5 euro al giorno per un totale di 100 euro al mese e 900 euro all’anno, cifre che fanno di Modena una delle città più care d’Italia, inserita nella Regione, l’Emilia Romagna, in assoluto più cara con una spesa di 106 euro al mese a fronte di una media di 80 euro””. Così il capogruppo di Forza Italia in Regione, Andrea Galli, commenta la recente indagine di Cittadinattiva sul costo delle mense scolastiche in Italia. “”Il tanto sbandierato modello emiliano di welfare si traduce, numeri alla mano, in un modello di costi record, in particolare a carico delle famiglie. Occorre, lo ribadiamo, un serio piano di aiuti alle famiglie, in particolare quelle numerose – afferma Andrea Galli -. Oggi le discriminazioni non sono quelle fotografate dalla recente assurda legge sulla omotransegatività, ma quelle che colpiscono i genitori che tutti i giorni devono far quadrare i conti di casa, mandare i figli a scuola e garantire loro un futuro sereno””.
 
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo