W la matematica

Condividi su i tuoi canali:

""IMU e IVA. Secondo gli studi economici più svariati, per eliminare entrambe queste imposte servirebbero 8 Miliardi di Euro...che però non si trovano! "" art. di Alex Scardina

In questi giorni si parla tanto di quanto l’attuale governo dovrebbe fare in campo economico; nessuno ci racconta però quanto è stato fatto negli anni passati e come questo incida oggi su tutti noi. Partiamo dai due punti economici più attuali e su cui il governo si gioca la propria credibilità: IMU e IVA. Secondo gli studi economici più svariati, per eliminare entrambe queste imposte servirebbero 8 Miliardi di Euro…che però non si trovano! Non si trovano perché non ce ne sono più, d’altronde dal barile è stato raschiato il fondo da un pezzo. O forse non sarà che non si trovano per colpa dell’Europa?! Sì, perché quello che non ci hanno detto è che per il fondo salva stati usato per Grecia, Cipro, Irlanda e Spagna l’Italia è stato il terzo contributore con una quota di 65 Miliardi!

 Pronto???

Piccolo esercizio di matematica: 65-8=57, i Miliardi che avremmo da spendere per restare a galla. Quindi l’Europa dei crucchi ci chiede rigore togliendoci risorse! E’ come se per evitare di spendere troppo ci togliessero i soldi dal portafoglio. A questo aggiungiamo un’altra cosa non detta: ricordate la passata abolizione dell’ICI (imposta sulla casa precedente all’IMU)? Bene, all’epoca la copertura finanziaria non c’era. Per riuscire nell’intento ci fu l’aumento dell’IRPEF, pagato da chi lavora e non può evadere e dai pensionati.

 Ergo: un lavoratore dipendente/pensionato che aveva una casa di proprietà non ha visto cambiare nulla (-100 ICI / +100 IRPEF); un lavoratore dipendente/pensionato che viveva in affitto ci ha rimesso (0 ICI / +100 IRPEF); tutti gli altri ci hanno guadagnato perché non pagano l’IRPEF (-100 ICI / 0 IRPEF).

Con oggi ho capito una cosa: la matematica non è un’opinione, ma, come insegnano alle elementari, senza dati veri…come lo risolvo un problema?

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...