Voto, Davide Fava “E’ il tempo della responsabilità, non dei tatticismi”

Condividi su i tuoi canali:

None

 

“Leggo sulle agenzie della decisione presa dall’on. Pini di dimettersi dall’incarico di vice-segretario regionale del Pd, volendo con questo gesto, più che assumersi una qualche responsabilità, attaccare il segretario regionale Paolo Calvano e, immagino, anche il segretario provinciale Davide Fava. Concordo con l’on. Pini che l’assunzione di responsabilità del segretario Renzi sia stata opportuna, faccio fatica a cogliere la logica per cui il voto nazionale possa determinare l’inadeguatezza del segretario regionale Paolo Calvano. So quanto Paolo si sia impegnato e abbia combattuto per far sì che le candidature in Emilia-Romagna non rappresentassero un arroccamento del Pd attorno ad alcuni nomi, ma potessero essere il segnale di un’apertura ai territori. Per quanto mi riguarda io ricopro l’incarico di segretario provinciale da qualche mese, periodo durante il quale sono sempre stato disponibile ad assumermi le mie responsabilità, che, in questo caso, significano rimanere sulla barca, anche quando ondeggia, e tenere fermo il timone. Più in generale, ritengo auspicabile che la classe dirigente del Pd, oggi, si impegni con forza, coraggio e coerenza nella ricostruzione di un progetto politico, piuttosto che perdersi in tatticismi, riposizionamenti, guerriglie di bande e colpi di coda. Dopo una grave sconfitta, serve responsabilità e senso politico: non cinismo, non spregiudicatezza, né, tantomeno, isteria”.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo