VISIT CASTELVETRO!

Condividi su i tuoi canali:

23/04 12:23

Non riesci a visualizzare correttamente questa newsletter? Clicca qui.Il nostro territorio, la vostra scoperta!Ponte del 25 Aprile – Cosa fare a Castelvetro!
 Il ponte del 25 Aprile, con ben quattro giorni a disposizione è un’occasione per visitare e Castelvetro di Modena, perla della provincia di Modena e le sue bellezze culturali, naturali ed enogastronomiche.
Trascorri un lungo e imperdibile weekend all’aria aperta per scoprire Castelvetro di Modena e le sue frazioni.Leggi di piùVisite al Castello di Levizzano Rangone
Giovedì 25 Aprile Levizzano Rangone Nuovi appuntamenti con le visite al Castello di Levizzano

Il Castello aprirà le porte ai visitatori per una visita guidata nelle sale del Castello e nel Museo Rosso Graspa. 

Iniziativa a pagamento su prenotazioneLeggi di piùRosso Graspa il Museo del Vino e della Società RuraleGiovedì 25, sabato 27 e domenica 28 Aprile Levizzano Rangone Se sei un’appassionato di storia locale, sito al piano terra del Castello di Levizzano c’è Rosso Graspa, un museo dedicato alla storia e alla cultura del territorio di Castelvetro e al suo prodotto d’eccellenza: il Lambrusco Grasparossa. 

Iniziativa gratuita senza prenotazioneLeggi di piùCastelvetro AudiopenDal 25 al 28 AprileCentro Storico di Castelvetro Per tutti coloro che desiderano visitare il Borgo Storico di Castelvetro di Modena in totale libertà, guidati da commenti audio di guide locali, c’è una nuova occasione facile, divertente ed interattiva! Una visita guidata in totale autonomia con il supporto di un’audiopenna e di una mappa interattiva.

Iniziativa a pagamento senza prenotazioneLeggi di piùFili d’oro a PalazzoGiovedì 25 e domenica 28 AprileCentro storico di Castelvetro Con gli abiti usati per le rievocazioni storiche realizzati dalle volontarie dell’Associazione Dama Vivente, è stata allestita la mostra permanente Fili d’Oro a Palazzo che ha ottenuto il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

Ingresso su offerta liberaLeggi di piùPalazzo RangoniGiovedì 25 AprileCentro storico di Castelvetro Le porte di questo straordinario monumento storico si spalancano durante alcune giornate di apertura gestite dai volontari della Parrocchia di Castelvetro. Palazzo Rangoni è situato nel cuore dell’antico borgo di Castelvetro di Modena, un imponente atrio e uno scalone che porta al piano superiore dove si possono ancora ammirare soffitti e pareti finemente decorati.

Ingresso su offerta liberaLeggi di piùVisite guidate all’Acetaia ComunaleDomenica 28 AprileCentro storico di Castelvetro L’Acetaia Comunale di Castelvetro di Modena nasce nel 2002 ed è condotta dai Maestri Assaggiatori della comunità locale della Consorteria dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena. 
Dal 2021 l’Acetaia comunale ha ottenuto l’iscrizione, come produttore, nell’elenco della Denominazione d’origine protetta (DOP) “Aceto Balsamico Tradizionale di Modena”. Iniziativa gratuita su prenotazioneLeggi di piùAppuntamenti presso l’Acetaia La Vecchia DispensaGiovedì 25, sabato 27 e domenica 28 AprileAcetaia La Vecchia Dispensa Visite guidate nell’acetaia di famiglia all’interno della torre medievale e degustazioni golose nella nostra bottega storica.
Degustazione tematiche tutte da scoprire
 Iniziativa a pagamento su prenotazioneLeggi di piùCASTELVETRO DI MODENA
Valorizzazione Integrata Territorio Ambiente

Piazza Roma, 5 – 41014 Castelvetro di Modena (MO)
Tel. +39 059 758880
www.visitcastelvetro.it – info@visitcastelvetro.it
P.IVA 02804970362
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria