Vincitori e vinti del referendum

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
Questi i primi commenti dopo la vittoria del no al referendum per la modifica della Costituzione. Bice ha preso nota e propone i primi commenti a caldo di coloro che nell’ultimo mese hanno contribuito a fornire quante più informazioni possibili sulla chiamata alle urne.

REFERENDUM COSTITUZIONALE DEL 25 E 26 GIUGNO 2006: RISULTATI  COMPLESSIVI  CONTEGGIATI  NELLA PROVINCIA DI MODENA

 

ELETTORI             517.579

VOTANTI              331.521               64.05%

VOTI  VALIDI       329.404

BIANCHE                   1.094

NULLE                        1.023

CONTESTATE                  0

SI                               107.824            32.73%     

NO                             221.580            67.27%

 

Stefano Bonaccini, segretario provinciale Ds –

“E’ un risultato straordinario. Una vittoria nettissima che va ben oltre le appartenenze politiche. L’Italia, dal nord al sud, ha detto No con chiarezza, senza dubbio alcuno, a una riforma costituzionale inutile e pericolosa, alla divisione del Paese, alla cancellazione del principio d’uguaglianza, ai superpoteri del premier. E’ una vittoria della democrazia e del buon senso. Adesso possiamo finalmente sederci e discutere, con chiunque abbia a cuore il futuro del Paese, di una riforma seria ed equilibrata della Costituzione”.“Ancora una volta Modena e l’Emilia-Romagna hanno dato un contributo significativo al buon esito della consultazione . La nostra regione è stata quella dove più alta è stata la percentuale di affluenza alle urne con il 64 per cento degli elettori che sono andati a votare. E di questi oltre il 66 per cento ha detto No. Eccellente anche il risultato in provincia di Modena dove il No ha ottenuto oltre il 67 per cento dei consensi, sfiorando addirittura il 70 per cento in città. Anche l’ultimo tentativo del centrodestra di dare una spallata al governo è fallito. Ora l’esecutivo potrà concentrarsi sui problemi più urgenti.

 

Samuele Calò, segretario Prc di Modena città

“Gli italiani hanno dato un segnale forte andando a votare in massa. Erano dieci anni che ad un referendum non si arrivava oltre il 50% quindi è evidente che il popolo ha voluto accorrere alle urne per mandare un messaggio che va in una sola direzione. Come Rifondazione ritengo che una vittoria del genere possa significare soltanto una cosa: non si deve più parlare di riforme costituzionali perché gli italiani evidentemente non le vogliono. La nostra Costituzione va rispettata così come è. E’ migliore di quanto si creda ma va soltanto rispettata di più. Le regole ci sono, dobbiamo però impegnarci tutte a condividerle.

 

Riad Ghelfi,  Lega Nord

La sconfitta credo che sia prettamente politica. La gente di sinistra è andata a votare convinta di dover esprimersi contro il centrodestra, senza capire che una riforma della Costituzione era necessaria. Forse il periodo del referendum non era dei migliori perché come al solito tanti nostri elettori ha preferito il mare alle urne. L’informazione, anche a livello mediatico,
è stata poca, basta chiedere alle persone per quali motivi erano chiamati al voto per capire che in tanti non erano nemmeno a conoscenza di cosa si voleva modificare. Ma il motto della Lega resta lo stesso “Mai mollare”. Continueremo ad andare in piazza con i nostri gazebo a spiegare le riforme che vogliamo per l’Italia e, come ha detto anche Bossi, se la Scozia e il Galles hanno impiegato tanto tempo per diventare federati dell’Inghilterra anche noi dobbiamo perseverare. Il tempo è nostro alleato, la sconfitta non ci abbatte, ci riproveremo, statene certi.

 

Isabella Bertolini, coordinatore regionale Forza Italia

Rispettiamo la volontà dei cittadini. Ma tutto questo non cambia la situazione: il Governo Prodi rimane lacerato su tutto e non è in grado di governare. Hanno vinto la campagna di mistificazione e la disinformazione dell’Unione. Con la vittoria del “no” è stata scelta la vecchia Italia dei ribaltoni, delle burocrazie, delle Camere affollare e delle inefficienze costose.

 

Matteo Richetti, segretario provinciale Margherita

Ha vinto il no, hanno vinto coloro che non hanno accettato le modifiche costituzionali (volute dalla sola ex maggioranza), che avrebbero inferto al sistema delle autonomie locali nel suo complesso, a partire dalle Regioni, un duro contraccolpo alle ragioni per le quali si sono lungamente battute: la costruzione di un sistema costituzionale autenticamente federalista compatibile e rispettoso dell’ordinamento giuridico nazionale. Le modifiche costituzionali sono maturate in un contesto di radicale contrapposizione tra le parti e senza tener conto del dissenso, oltre che di una parte cospicua del Parlamento, anche delle Regioni, delle Province e dei Comuni i quali costantemente hanno segnalato in tutte le sedi la propria motivata contrarietàÈ necessario fin d’ora interrogarsi e riaffrontare con maggiore cognizione di causa il tema ineludibile delle sedi di concertazione interistituzionale. In quest’ottica dovranno essere riaffrontate le questioni relative al funzionamento delle Conferenze Stato-Regioni ed Unificata, sedi rimaste tuttora di confronto unilaterale, cercando i punti di equilibrio discendenti dalle stesse pronunce della Corte che hanno enormemente enfatizzato il principio costituzionale di leale collaborazione.

 

 

 

 

 

 

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ius Scholae

Fratelli d’Italia: “Bonaccini invece di offendere pensi a risolvere i problemi dei cittadini”Mentre imprese e cittadini sono in ginocchio davanti una grave crisi economica, caratterizzata

“PREMIO EMAS 2022”

L’ Ente Parchi Emilia Centrale vince il “Premio Emas 2022” per la dichiarazione ambientale piú efficace a livello nazionale L’Ente Parchi Emilia Centrale ha vinto