Villanova, De Lillo “Al più presto nuova scuola e il campo di calcio”

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Carmelo De Lillo “La variante urbanistica divenga l’occasione per riqualificare l’intera area”

 

La frazione modenese di Villanova aspetta una nuova scuola, un nuovo campo di calcio, nuovi alloggi e il raccordo delle ciclabili con quelle delle altre frazioni limitrofe: sono tutte opere previste dall’Amministrazione e gradite alla cittadinanza che, però, chiede tempi celeri per la realizzazione. Di questa esigenza si è fatto interprete il consigliere comunale Pd Carmelo De Lillo che ha presentato in materia uno specifico ordine del giorno. Ecco la sua dichiarazione:

 

“La frazione di Villanova è in espansione. Nuove famiglie sono venute ad abitarci e ci sono richieste anche per altri nuovi alloggi. Questo naturalmente significa che sono diventati necessari pure nuovi servizi, adeguati alle esigenze delle nuove famiglie, la maggior parte con figli piccoli. Non è che la frazione sia sguarnita di servizi importanti – ci sono le scuole, la polisportiva, lo sportello medico, gli impianti sportivi e anche una stazione dei treni – ma alcuni ammodernamenti sono ormai non rimandabili. La scuola dell’infanzia comunale è in un edificio degli anni ’20 del ‘900, lontano dal centro abitato e che necessita di importanti interventi di riqualificazione e adeguamento normativo. Le squadre di calcio sono ospitate, su più turni, presso un impianto ormai obsoleto sia dal punto di vista normativo che dei servizi. In maggio si è tenuta un’assemblea pubblica, molto partecipata, con i rappresentanti dell’Amministrazione cittadina, sindaco in primis. Sono state illustrate una serie di soluzioni che hanno trovato il gradimento dei presenti, nell’ambito del riassetto dell’attuale piano urbanistico. Una nuova scuola dovrà essere realizzata a Villanova, a fianco delle scuole elementari e al nido, creando un unico complesso dedicato. Il nuovo campo da calcio sorgerà a fianco della ferrovia, potendo così utilizzare i parcheggi della stazione. L’attuale campo diventerebbe un campo di allenamento ed entrambi i campi usufruirebbero dei medesimi spogliatoi. Tutta la frazione diventa zona 30 e viene potenziata la rete di ciclabili con le frazioni di Lesignana, Ganaceto e San Pancrazio. Come sempre, il nodo cruciale sarà quello dei finanziamenti, ma l’Amministrazione ha assicurato che la realizzazione della scuola è una priorità nel piano degli investimenti. Facendomi interprete delle esigenze espresse dai residenti, con l’ordine del giorno presentato, chiediamo all’Amministrazione di avviare un percorso partecipato affinché la progettazione della nuova scuola dell’infanzia sia condivisa tra l’Assessorato, il corpo docente e le famiglie. Chiediamo, inoltre, di predisporre in tempi brevi la variante urbanistica per il riassetto delle aree da destinare a campi da calcio, scuole e residenza col completamento urbanistico residenziale della frazione, per poi cederle destinando le risorse alle opere pubbliche indicate. Occorre, infine, cadenzare una mappa temporale che stabilisca il timing previsto per l’intera operazione, in modo da poter indicare la possibile data della posa della prima pietra per la nuova scuola”.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati