Vignola Uno

Condividi su i tuoi canali:

Da questo numero Bice pubblica serie di articoli atti evidenziare le problematiche del territorio...art. di Alex Scardina

Da questo numero ho deciso di raccontare, per puntate, alcune criticità e/o inefficienze presenti nel territorio dell’Unione Terre di Castelli.

 

Oggetto di questa prima puntata è la straordinaria eccentricità della viabilità ciclo-pedonale della “Tangenziale” di Vignola, altrimenti nota come Via Circonvallazione, nel tratto compreso tra Via per Spilamberto e Via per Sassuolo, circa 1,5 km di strada. Trattandosi della spina dorsale della città sicuramente si tratta di una delle arterie più trafficate, se non, addirittura la prima tra tutte; auto, mezzi pesanti, motocicli sfruttano la sede stradale, mentre ciclisti e pedoni hanno una pista ciclabile dedicata. Ogni tanto però, come normale, le traiettorie possono incrociarsi, sempre però in totale sicurezza…Sì, forse…

 

Nella giornata di lunedì ben due ciclisti sono stati investiti da altrettanti automobili lungo l’attraversamento ciclabile collocato presso la rotatoria che da accesso al centro commerciale “Marco Polo”. In questo punto, laddove già vi sono quattro strade che si incrociano la pista ciclabile ha la pretesa di attraversarne ben tre. Siccome la faccenda è già di per se molto semplice, addirittura un lato, quello adiacente al centro commerciale, è quasi nascosto dalla selvaggia ed indistinta vegetazione laterale. Insomma, anche Ulisse avrebbe grosse difficoltà a circumnavigare questo obrobrio stradale. Ma se Ulisse riuscisse a sopravvivere dovrebbe affrontare lo stesso problema due rotatorie dopo, laddove si incrociano la stessa Via Circonvallazione con Via per Sassuolo.

 

Eppure sarebbe possibile semplificare o rendere più sicuro questo buco nero? Sì, basterebbe collocare un apparato semaforico intelligente in entrambe le rotatorie! Ma cosa si intende per “apparato semaforico intelligente”? Si tratta di un impianto a chiamata, dove ogni 30 secondi, se presenti ciclisti o pedoni che prenotano il passaggio, quindi non continuamente, la circolazione automobilistica si ferma per lasciar loro la possibilità di attraversare in sicurezza. Con questo sistema, tanto semplice quanto efficace, si renderebbero più sicure entrambe le rotatorie senza rallentare eccessivamente la circolazione.

 

Ora abbiate ancora il coraggio di sostenere che chi critica non porta proposte concrete

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

INTERROGAZIONE

Oggetto: Controlli sulla residenzialità negli alloggi pubblici. Chiarezza sul caso del titolare di alloggio pubblico e privato che vive all’estero e subaffitta  Premesso che: –

LA FÉRA DAL BÈLI DANN

Con la “Féra dal Bèli Dann” proseguirà sabato 8 e domenica 9 ottobre, l’edizione 2022 delle Fiere d’Ottobre di Sassuolo con un ricco calendario di