Vignola, Spilamberto un faro per la buona gestione dei rifiuti

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Dopo i primi Bilanci positivi, anche Vignola prova ad attuare la politica di Spilamberto

 

 

Visti gli ottimi e assolutamente soddisfacenti risultati ottenuti dal Comune di Spilamberto, anche Vignola attuerà le stesse politiche di gestione dei rifiuti. Parla Andrea Ghiaroni, segretario del Circolo Pd di Vignola:

 

 

“Esprimiamo tutta la nostra soddisfazione per i significativi traguardi raggiunti dal Comune di Spilamberto in seguito all’introduzione della raccolta porta a porta: un modello virtuoso di politica di gestione dei rifiuti in cui il PD crede molto e che ritiene sia la soluzione migliore anche per Vignola.

Auspichiamo che la Giunta Pelloni sia capace di ottenere risultati altrettanto positivi, in modo che in breve tempo anche i nostri concittadini possano godere dei benefici di questa scelta.”

Le politiche di gestione dei rifiuti attuate da Spilamberto hanno portato a risultati importanti. È aumentata la quota di rifiuto differenziato, che passa dal 64% al 79%. Un’ulteriore nota positiva è rappresentata anche dall’aumento della porzione di rifiuto organico a fronte di una diminuzione dell’indifferenziata. Si tratta di un notevole impatto sull’ecologia delle cittadine che portano oltretutto ad una migliore qualità di rifiuto che, sicuramente, favorirà il riciclaggio.

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo