Vignola, Bursi e Fava “E’ questa la classe dirigente della destra?”

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Vignola, Bursi e Fava “E’ questa la classe dirigente della destra?”

Nota del segretario uscente del Pd Lucia Bursi e del candidato unitario Davide Fava

 

 

Lucia Bursi, segretario provinciale uscente del Pd modenese, e Davide Fava, candidato unitario alla guida della Segreteria provinciale del Pd ed ex commissario del Pd di Vignola, intervengono sulle dichiarazioni rilasciate dal sindaco di Vignola Simone Pelloni su vaccini e diritto allo studio:

 

 

“Siamo allibiti dal tono e dal merito delle dichiarazioni espresse dal sindaco di Vignola Simone Pelloni sul tema vaccini e diritto allo studio. Ricordiamo che è compito istituzionale del primo cittadino la tutela della salute della comunità che governa. E invece il sindaco Pelloni si permette di intervenire su casi delicatissimi come quelli di un bambino malato di Aids con leggerezza qualunquista aggravata dalla non conoscenza dei meccanismi di contagio della malattia stessa. Nel fine settimana abbiamo visto i rappresentanti delle forze del centrodestra modenese affermare che cambiare il colore dei governi locali è possibile. Ed ecco il sindaco di Vignola che si meraviglia di come non possano entrare a scuola bimbi non vaccinati, come stabilito da una legge dello Stato, e invece vengano fatti entrare quelli malati di Aids, come stabilito dal diritto allo studio sancito in Costituzione. E’ questo il senso delle istituzioni che l’asse Lega/ForzaItalia/FdI ci propone? E’ questa la classe dirigente della destra? Lasciamo il giudizio ai cittadini”.

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gettare il sasso e nascondere la mano…

È un copione assai noto: c’è chi lancia pubblicamente un metaforico sasso, offendendo, insinuando, accusando… in modo voluto e inequivocabile, qualcuno e poi, vigliaccamente, nega

Appunti sulle Amministrative

ASTENSIONISMO All’appello dei votanti manca la metà degli aventi diritto… e stiamo parlando di votare per la propria città, non solo per la lontana Europa.