Via Fassi e via Galilei : una petizione

Condividi su i tuoi canali:

None

Giuseppina Baggio (PdL): via Fassi e via Galilei, gli abitanti chiedono solo
più chiarezza, e stanno avviando una petizione

“”I residenti di via Fassi e via Galilei si stanno organizzando, e stanno
raccogliendo firme con una petizione – afferma Giuseppina Baggio,
consigliere comunale del Pdl di Carpi – perché la mancata chiarezza sul
progetto che riguarda le vie indicate non può che coinvolgere tutti. Infatti
purtroppo quella che è mancata è la comunicazione su quanto sta accadendo:
il lavoro è significativo, ovvero l’abbattimento e la sostituzione dei
filari di alberi. Ma a quale scopo? Per la riqualificazione delle vie, che
da molto è discussione, ma mai si è avviata, oppure solo per questioni di
sicurezza? L’assemblea pubblica convocata velocemente e comunicata solo con
volantini, e poco preavviso, non basta. Le domande a cui si chiede di
rispondere sono semplici: che fine hanno fatto i progetti di
riqualificazione dei viali? Gli alberi verranno ripiantati? Qual è il legame
fra i due progetti?

Ecco credo sia opportuno fornire quanto meno un supplemento di informazione
ai residenti e più in generale ai cittadini, essendo le strade interessate
molto centrali e frequentate, – conclude la consigliera del Pdl – perché
un’amministrazione seria non può accontentarsi di un’assemblea poco
partecipata, ritenendo di aver fatto così il proprio dovere. Svolgere il
compitino non basta, soprattutto se i cittadini chiedono altro””.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo