Via Fassi e via Galilei : una petizione

Condividi su i tuoi canali:

None

Giuseppina Baggio (PdL): via Fassi e via Galilei, gli abitanti chiedono solo
più chiarezza, e stanno avviando una petizione

“”I residenti di via Fassi e via Galilei si stanno organizzando, e stanno
raccogliendo firme con una petizione – afferma Giuseppina Baggio,
consigliere comunale del Pdl di Carpi – perché la mancata chiarezza sul
progetto che riguarda le vie indicate non può che coinvolgere tutti. Infatti
purtroppo quella che è mancata è la comunicazione su quanto sta accadendo:
il lavoro è significativo, ovvero l’abbattimento e la sostituzione dei
filari di alberi. Ma a quale scopo? Per la riqualificazione delle vie, che
da molto è discussione, ma mai si è avviata, oppure solo per questioni di
sicurezza? L’assemblea pubblica convocata velocemente e comunicata solo con
volantini, e poco preavviso, non basta. Le domande a cui si chiede di
rispondere sono semplici: che fine hanno fatto i progetti di
riqualificazione dei viali? Gli alberi verranno ripiantati? Qual è il legame
fra i due progetti?

Ecco credo sia opportuno fornire quanto meno un supplemento di informazione
ai residenti e più in generale ai cittadini, essendo le strade interessate
molto centrali e frequentate, – conclude la consigliera del Pdl – perché
un’amministrazione seria non può accontentarsi di un’assemblea poco
partecipata, ritenendo di aver fatto così il proprio dovere. Svolgere il
compitino non basta, soprattutto se i cittadini chiedono altro””.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati