Velo, Kyenge “Solidarietà all’avvocata costretta a lasciare l’Aula”

Condividi su i tuoi canali:

None

Velo, Kyenge “Solidarietà all’avvocata costretta a lasciare l’Aula”

Nota dell’europarlamentare modenese del Pd Cècile Kyenge su quanto accaduto al Tar

 

 

L’europarlamentare modenese del Pd Cècile Kyenge, ex ministro dell’Integrazione nel Governo Letta, esprime solidarietà alla giovane praticante avvocata che è stata costretta a uscire dall’Aula della seconda sezione del Tar dell’Emilia-Romagna perché ha rifiutato di togliere il velo.

 

 

“Esprimo la mia più sentita solidarietà e vicinanza alla giovane avvocata praticante Asmae Belfakir, costretta a lasciare l’Aula della seconda sezione del Tar dell’Emilia-Romagna causa insistenza del giudice a farle togliere il velo o a uscire dall’Aula. Noi vogliamo vivere in un Paese dove i giudici badino alla coerenza della strategia difensiva dell’avvocata, ovvero alla sua competenza, rispetto ai fatti per cui era in venuta in tribunale”. Lo ha detto l’europarlamentare Pd Cécile Kyenge, dopo l’episodio avvenuto a Bologna. “Il riferimento alla tradizione o alla “”nostra”” cultura, se pronunciato dal giudice in una Aula del tribunale, è l’espressione di un populismo giudiziario che non fa bene al Paese. Inoltre, tutto il dibattito contradittorio e la controversia fra giudici sul tema dimostra quanto alcune disposizioni e normative in vigore necessitino di una urgente riforma, per mettere tutto il Paese al passo con tempi, nel rispetto della nostra Costituzione. Nel caso della praticante avvocata Asmae Belfakir, ogni eventuale allusione a convinzioni culturali da parte del giudice è deleteria, essendo l’Italia un Paese essenzialmente democratico, multiculturale e pluralista””.

 

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo