Vai col pezzo forte!

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp

Indiscutibilmente i ""baby""  fanno notizia : dalle  ecografie pelviche in diretta televisiva di Michelle Hunzicker, agli annunci , con appena otto mesi e mezzo di anticipo, di maternità dell' on. Meloni, dato a quattro intimi, al Family Day, allo stuolo di bambini filmati  mentre scoppiano di felicità spiegandoci di avere due mamme, o due papà... 

Usare indifferentemente l’espressione famiglia naturalefamiglia tradizionale… come se avessero lo stesso significato,  secondo me  non è  corretto.

La famiglia naturale è indipendente da religione, latitudine, etnia, razza…  Uomo, donna, figli.

Se poi la religione, la legge, le usanze e le personali convinzioni, ritengono che la procreazione della prole debba avvenire solo all’interno di una famiglia  ufficializzata con matrimonio religioso o civile,  è un altro discorso : ciascuno  si attiene a ciò che le sue convinzioni e la sua coscienza gli dettano. Ma la famiglia  naturale è questa, composta da uomo, donna e figli:  non vedo quindi perchè un divorziato, un separato, una madre nubile,  o un libertino non possano sostenerla. La famiglia naturale  non è  suddita della morale matrimoniale e il diritto dei bambini ad avere un padre e una madre, e non a essere frutto di una compravendita nè di cocktail di ovuli e semi vari, è un diritto inalienabile, indipendente da ogni religione e da ogni legame matrimoniale.

 Sono allergica, ormai, al pezzo forte delle adunate oceaniche domenicali, dell’una o dell’altra parte; questo vale anche per  Family Day di domenica 30 gennaio, ennesimo carrozzone, di poco dissimile  da quelli a sostegno delle unioni civili e dei diritti dei gay, a mio avviso  decisamente sbilanciato su  omosessuali, adozione di stepchild, gravidanze comprate, bimbi di cui si fa  commercio spacciandolo  per gesto d’amore e  tutela verso di loro.

Tornando al Family Day, mi sembra sbagliata la demonizzazione di chi,  divorziato, separato, libertino, etc…  sostenga la  famiglia naturale.  

Non stiamo parlando della  famigliola  “”del Mulino Bianco””… o della Sacra Famiglia, ma parliamo  di famiglie normali, nelle quali si può rimanere  felici e avvinti per l’esistenza intera, oppure, purtroppo,  si possono anche scegliere strade diverse,  come separazione, divorzio… Questo non nega, a chi fa queste scelte,  la  visione naturale della  famiglia, composta di uomo e donna, con figli nati da questa unione. Inoltre, pur non apprezzando i  discutibili costumi di chi predilige gli amori mercenari non concepisco che gli sia impedito  sostenere la famiglia naturale.  Che, lo ripeto, è errato intendere e considerare  sempre e solo come la famiglia   indissolubile  secondo la religione o la legge. E’ intollerabile infine, ultimo ma non meno importante, che si facciano scudo dei bambini. Come se fossero un diritto, un desiderio da soddisfare a qualsiasi costo…questo sì, chiunque lo faccia, coppia eterogenea  o coppia omosessuale. ma, si sa, indiscutibilmente i “”baby””  sono un “”pezzo forte””…fanno notizia : dalle  ecografie pelviche in diretta televisiva di Michelle Hunzicker, agli annunci , dato con appena otto mesi e mezzo di anticipo, di maternità dell’ on. Meloni, dato “”a quattro intimi””, al Family Day, allo stuolo di bambini, figli di coppie omosessuali, filmati  mentre scoppiano di felicità spiegandoci di avere due mamme, o due papà…  Una galleria dei “”pezzi forti”” ( o degli  orrori, chissà…)  cui aggiungo anche la gogna cui sono sottoposti coloro i quali, sostenitori della famiglia naturale, vengono irrisi, insultati e messi, appunto, alla gogna, se sono separati, divorziati, o se hanno figli al di fuori del matrimonio. 

In tutto questo circo, mi permetto di dire… vengono per ultimi,  in assoluto, i diritti dei bambini.

 

^^^^^^^^^^^^

 

Come sempre, presento brevemente il numero on line da oggi. Vi ricordo che i link in grassetto portano direttamente agli articoli, per rendere più agevole la consultazione di Bice anche alle persone che hanno fretta  e   non hanno molto tempo a disposizione.

 

Vai col pezzo forte!

di A.D.Z.

Indiscutibilmente i “”baby””  fanno notizia : dalle  ecografie pelviche in diretta televisiva di Michelle Hunzicker, agli annunci , con appena otto mesi e mezzo di anticipo, di maternità dell’ on. Meloni, dato giusto “”a quattro intimi”” al Family Day…fino allo stuolo di bambini filmati  mentre scoppiano di felicità spiegandoci di avere due mamme, o due papà…

Cosa non si fa per una commessa di lavoro

di Massimo Nardi

Pessima figura del governo italiano che, in occasione della  presidente iraniano, Hassan Rohani, a Roma,  copre i simboli artistici di una civiltà antica.

L’utopia della semplificazione 

di Alberto Venturi

Fino a pochi mesi fa per ogni dieci norme abolite, ne sono entrate in vigore dodici nuove, eventualmente con decreto, poi scaduto o modificato, con un costo altissimo per la nostra economia.

Bail in. Quando le banche sono al governo 

di Giorgio Maria Cambié

Nel Medioevo vigeva la norma “caveat emptor” (il compratore stia accorto) cioè il cliente di banca stia accorto. Oggi, il cliente deve accertarsi  che la banca sia sana e che i titoli che gli vengono offerti quale investimento siano attendibili, anche se questo è difficile per l’uomo della strada.

HIGH HEELS – I tacchi più alti del Rock      

di Laura Rebuzzi e Francesca Mercury

Sabrina Sotgiu alla voce, Cristina Scollo alla chitarra e cori, Chiara Terenziani alla seconda chitarra, Maria Veronica Bigliardi alla batteria ed Elisa Parmeggiani al basso: le  High Heels offrono uno show accattivante ed energico,  coniugando alla perfezione la “”carica””  del rock  con l’ eleganza femminile.

Una giustizia strana la nostra!

di Adalberto De’ Bartolomeis

Chi, aggredito, riesce a difendersi, fosse anche e soprattutto per istinto, dal delinquente, paga molto caro, troppo, il suo gesto, una reazione che diverse autorità di giustizia interpretano come eccessiva e  smisurata trasformando la vittima innocente in carnefice.

 

Augur
o a tutti buona settimana e buona lettura del n. 501-169.

 

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...