Uovo batte sasso

Condividi su i tuoi canali:

Alice Tarquini, per un sasso lanciato contro la sua auto, ha avuto fratture al volto e gravi conseguenze ad un occhio. Non ho letto, nè sentito, per lei, le sdegnate proteste, le invettive, i giudizi feroci e le recriminazioni suscitate, due anni addietro, dall’episodio dell’uovo lanciato contro Daisy Osakue, la quale riportò una contusione all’occhio. Né ci sono state parole di solidarietà, pietà e partecipazione, benché le sue condizioni siano sicuramente più gravi.

 


Non hanno avuto la stessa rilevanza, due episodi che vedono coinvolte loro malgrado due giovani donne, l’una, colpita da un uovo, l’altra da un grosso sasso. La prima, Daisy Osakue, 23 anni, di Moncalieri, nata in Italia da genitori nigeriani, nella notte del 30 luglio del 2018, mentre rientrava a casa, fu colpita da un uovo, lanciato da un’auto in corsa. Soccorsa immediatamente, ebbe le cure del caso, non fu necessaria alcuna operazione, in qualche giorno si rimise dalla forte contusione, recuperando perfettamente la vista e riuscendo senza difficoltà a partecipare ai Campionati Europei di Berlino, dove conquistò l’ottavo posto in finale. La brutale aggressione di cui la giovane rimase vittima, ebbe un’eco straordinaria, con reazioni di grandissimo sdegno e orrore, per un gesto immediatamente bollato come una manifestazione di razzismo. Molte le interviste rilasciate dalla vittima. Questa la sua dichiarazione a Sky Tg 24:
«A mio avviso questa volta è razzismo. Quella è una zona frequentata da prostitute di colore e mi hanno scambiata per una di loro, non sapevano che fossi Daisy, che tifassi Juve, hanno visto una ragazza di colore e hanno voluto fare questo gesto. Mi sono accasciata a terra, ho visto del liquido e pensavo fosse acido, ho gridato ma poi ho visto dei gusci di uova, dei tuorli e mi sono tranquillizzata».
Le indagini dei Carabinieri accertarono che si trattava in realtà del gesto di abissale stupidità compiuto per noia, per divertimento,  da giovani che in quel “divertimento” indulgevano sistematicamente e indiscriminatamente; si venne a conoscenza anche di altri episodi avvenuti nei giorni precedenti. Questo non impedì che giornalisti, politici, opinionisti… si gettassero ghiottamente sulla notizia, inserendo in ogni notiziario un lungo servizio dedicato a questo gesto, inondando i social di dichiarazioni solidali con la vittima e di invettive sdegnate contro gli esecutori razzisti. Rimarrà negli annali il tweet di Matteo Renzi, il quale, bruciando tutti sul tempo, non appena si sparse la notizia, non perse una così bella occasione e, senza prendersi il disturbo di verificare le modalità del fattaccio, se ne uscì con un leggendario “picchiata selvaggiamente” come se la giovane fosse stata “pestata” da un branco. Fra gli antirazzisti di professione (che il razzismo lo vedono ovunque) suscitò, pertanto, notevole disappunto non solo la stupida casualità del gesto ma anche che uno dei giovinastri lanciatori di uova fosse figlio di un esponente del PD… Non c’entra nulla il padre, ognuno è responsabile delle proprie azioni, fatto sta che, quando anche questa notizia emerse, diventando di dominio pubblico ed escludendo qualsiasi connotazione razzista, dell’occhio colpito dall’uovo non si parlò più. Si tacque, è vero, anche su alcune vicende poco edificanti del capofamiglia Osakue, questioncelle con la legge… Comunque, per qualche settimana non si parlò d’altro.

Diverso, ahimè, il caso di Alice Tarquini, di Roma, non molti anni più di Daisy Osakue; mentre tornava a casa, ha avuto la sventura di transitare all’incrocio tra via Casilina e via della Primavera, dove stava dando in escandescenze Balbir Cumar, un quarantaduenne indiano, senza fissa dimora, nullafacente e senza permesso di soggiorno, il quale ha scagliato un grosso sasso contro la sua auto, colpendola in pieno volto. Alice Tarquini, il volto ridotto a una maschera di sangue, è stata soccorsa dai Sanitari del 118 e trasportata d’urgenza in ospedale, dove ha subito diverse operazioni al volto per una grave frattura ma, purtroppo, nonostante la tempestività delle cure, si temono conseguenze gravi per il suo occhio sinistro.
Per l’aggressore sono scattate le manette, tardivamente, si potrebbe dire, dato che si era reso responsabile di molti altri episodi analoghi;  nonostante ciò,  era libero e non era stato espulso. Anche prima di colpire l’auto di Alice Tarquini, il giorno prima aveva già lanciato sassi ad altre vetture, fortunatamente senza conseguenze per le persone. A conferma della scarsa mitezza del suo carattere, Balbir Cuma ha reagito con estrema violenza all’arresto, aggredendo con calci e pugni gli agenti intervenuti.

Alice non ricorda nulla… solo di aver visto sul marciapiede, qualche istante prima,  la sagoma di una persona  che inveiva verso le vetture in strada e poi un dolore lancinante al volto e il sangue che l’accecava…
Non ho letto, nè sentito, sdegnate proteste, invettive, giudizi e recriminazioni nei confronti dell’aggressore né, peggio ancora, mi pare ci siano state per la vittima parole di solidarietà, pietà e partecipazione, da parte di nessuno. Tacciono persino le logorroiche femministe. Un silenzio assordante. Mi nausea, questa espressione ormai abusata, ma questo è.

Forse l’occhio di Alice Tarquini vale meno dell’occhio di Daisy Osakue. Uovo batte sasso.

https://www.ilcorrieredellacitta.com/primo-piano/roma-indiano-scaglia-sassi-contro-le-auto-e-colpisce-una-ragazza-al-volto-32enne-perde-un-occhio.html

https://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/povera-daisy-hanno-voluto-trasformarla-icona-senza-che-ce-ne-fosse-180315.htm

https://www.tuttosport.com/news/attualit/2018/07/30-45869756/moncalieri_aggredita_daisy_osakue_colpita_da_un_uovo_allocchio/
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Come di consueto, qui di seguito presento brevemente il numero on line da oggi. I titoli in grassetto sono link che portano direttamente ai relativi pezzi. Questo per consentire anche a chi ha poco tempo, di poter sfogliare più facilmente il giornale.

Uovo batte sasso

A.D.Z.

Non confondiamo il vino con l’aceto

Massimo Nardi

Ennesimo scivolone in politica estera. I morti delle Foibe si rivoltano nelle loro tombe ancora da scoprire. C’è da vergognarsi.

La povertà potrebbe essere dietro l’angolo

Alberto Venturi

O si arriva a una diversa distribuzione della ricchezza, per cui chi più ha, almeno per stavolta, non avrà ancora di più, oppure la famiglia media dovrà ridimensionare le sue aspettative. Sarà più povera o più essenziale secondo la consapevolezza e la cultura con cui affronterà i
l passo. Fatevi l’elenco, fatevi l’elenco.

Divina Commedia a Maranello, Operetta a Fiorano: si ricomincia!

Avere il coraggio di mettere in piedi eventi dal vivo è certamente sinonimo di valore e tenacia che mirano al bene comune per sconfiggere quello sconforto e quella desolazione che è generata dalla solitudine e dall’isolamento.

 

Le morti assurde

Nicola Rega

Due ragazzi di 15 e 16 anni sono morti nel sonno nelle loro case a Terni. E’ stato fermato un ternano di 41 anni dai carabinieri con l’accusa di avere ceduto un mix di sostanze che ha provocato la morte dei due ragazzi .A casa dell’uomo è stato sequestrato materiale ritenuto di interesse investigativo.

Ripresa economica, a giugno continua a crescere la fiducia dei consumatori (+ 6%)

Matteo Gavioli

Secondo i dati del Centro Studi di Assolombarda pubblicati su “Genio & Impresa”, prosegue la graduale risalita dell’economia lombarda, ma il recupero resta parziale: dopo la lenta risalita di maggio (-30%), a giugno mostra segnali di accelerazione, pur rimanendo su livelli inferiori al pre-pandemia. Positivi i dati relativi al traffico pesante che recupera 20 punti percentuali, mentre preoccupa il drastico calo dell’export che perde a marzo 1,5 miliardi di euro. Crescono anche i prestiti bancari (+1,4 ad aprile) richiesti soprattutto da grandi aziende.

Stellar & Gaming online

Eugenio Benetazzo

Stellar è considerata più promettente rispetto alle altre criptovalute in termini di potenziale di rivalutazione in quanto al momento rappresenta la criptovaluta più appropriata a soddisfare l’adozione di massa da parte di una utenza in forte crescita annua che necessita di effettuare in tempo reale mini-transazioni istantanee a costo zero.

 

Buona settimana e buona lettura del n. 710 – 400.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

**NOI CONTRO LE MAFIE**

Incontro con GIUSEPPE ANTOCI Venerdì 10 febbraio ore 21 Istituto Alcide Cervi via Fratelli Cervi 9 – Campegine (RE) conduce Pierluigi Senatore Giuseppe Antoci, ex