Uno spettacolo di moda, musica e solidarieta’

Condividi su i tuoi canali:

Nella splendida cornice di piazza Roma la stilista modenese  Anna Marchetti ha festeggiato  i 50 anni dedicati alla moda con uno spettacolo di moda, musica e solidarieta’. 

Sarà una serata che difficilmente i modenesi che vi hanno partecipato potranno dimenticare tanto presto. Si è capito subito dalla particolare scenografia (una grande ruota panoramica alta 18 metri) da dove sarebbero uscite le modelle. Quando ha iniziato a girare e nell’aria sono risuonate le note di Vacanze romane, una delle più belle canzoni dei Matia Bazar, eseguita magistralmente da Silvia Mezzanotte che indossava uno splendido abito della stilista modenese, che, ancora per un momento, ci ha fatto sognare una Roma che non esiste più.

A presentare la serata una raggiante Roberta Capua e il giornalista modenese Ettore Tazzioli direttore di Trc che, dopo il rituale saluto alle autorità presenti, hanno voluto subito sul palco Anna Marchetti per far conosce alla cittadinanza come nasce una grande firma e come si porta avanti. La famosa stilista, in modo molto semplice come d’altronde è lei, ha spiegato gli inizi della sua carriera. Da bambina, in un piccolo borgo dell’Appennino, quando arrivava la sarta per confezionare gli abiti, lei raccoglieva le strisce di stoffa che cadevano sotto il tavolo e confezionava i vestitini per le sue bambole di stoffa. Una premonizione? In effetti, sembra proprio così. Infatti, è stato quello che lei ha voluto fare, con classe, stile ma soprattutto con la volontà che contraddistingue la gente della nostra regione. Così, passo dopo passo, il marchio Anna Marchetti ha saputo affermarsi nel “bel paese”, dove è presente nelle migliori boutique. Il brand si è ultimamente inserito al Mantova Outlet Village, per poi  arrivare nella capitale della moda, Parigi, aprendo una boutique monomarca in ciò che i parigini chiamano “Le Triangle D’Or”, Rue de Chevalier de Saint George.

Anna, in breve, ha anticipato quello che si può leggere nel libro che esce nell’occasione di quest’anniversario, dal semplice titolo, Essere Anna. La stilista racconta a Fabrizio Vaccari cinquanta anni di vita lavorativa e della sua splendida famiglia che, come ha rilevato l’imprenditrice, è molto unita e tutti lavorano per un unico scopo: il bene dell’azienda.

Naturalmente, non poteva mancare da parte dell’imprenditrice un gesto generoso: devolvere le vendite del libro all’associazione ASEOP.

La serata è stata anche l’occasione per premiare i giovani studenti di due istituti del nostro territorio: il Grazia Deledda e il Venturi. Così, gli allievi del Deledda hanno realizzato dei capi d’abbigliamento e gli studenti del Venturi il servizio fotografico.  

Per la gioia delle signore presenti c’è stata una splendida sfilata. Per meglio dire tre, come sono le linee dell’azienda. Quella creata dalla figlia Jessica e che si chiama Jessy: “Per chi vuole la luna” creata per una donna giovane e di tendenza moderna. Villa Freto, collezione Luxury, specializzata in abiti da cocktail e da sera e, naturalmente, la collezione primavera estate di Anna Marchetti. A chiudere la serata Silvia Mezzanotte che con la sua incantevole voce ha deliziato la platea e che, fin dall’inizio della sua carriera, ha stretto un sodalizio con la stilista.

 

 

 

 

[ratings]

Ultimi articoli

I nostri social

Articoli popolari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Alla zappa! Tutti, senza distinzioni.

Nel recente passato e tutt’ora, anche se in misura minore, c’era l’abitudine di invitare alla zappa le persone negligenti, gli scansafatiche, gli incapaci … chi

Terzo mandato

La possibilità di un terzo mandato per i presidenti di regione è stato respinto in Commissione affari costituzionali del Senato; tutti contrari, maggioranza e minoranze

Mostra su Toulouse-Lautrec

Giovedì 22 febbraio 2024 inaugurata a Palazzo Roverella di Rovigo la grande Mostra su Toulouse-Lautrec (1864-1901) più di 200 opere per raccontare il sublime artista