Unione Terre di Castelli: gli appuntamenti culturali e resistenti

Condividi su i tuoi canali:

None

Unione Terre di Castelli: gli appuntamenti culturali e resistenti

Una selezione di iniziative per ricordare insieme la nostra Liberazione

 

Una settimana importante quella che ci si appresta vivere, momenti di riflessione in cui chiedersi, dopo settantuno anni, cosa significhi Libertà. Liberazione.

Gli Uffici Cultura dell’Unione Terre di Castelli hanno tentato di costruire una proposta unitaria che sapesse ripercorrere la memoria attraverso proposte differenti, proposte accattivanti in grado di scuotere la memoria. Mantenerla viva e sempre accesa. Ed è così – nella semplicità e informalità – è nato un piccolo cartellone ideale di partecipazione e di pensiero. Di musica e parole. Un piccolo cartellone della durata di una settimana circa in cui scoprire veramente la nostra radice – il nostro trascorso.

Spazio alle conferenze, ai concerti, alle scuole, all’arte figurativa. Spazio al dialogo, all’incontro e alla conoscenza. Perché il desiderio di Libertà rimanga sempre e con esso la voglia di trasmetterlo.

 

In allegato la selezione di appuntamenti a cura degli uffici cultura – per il programma completo consultare le pagine web dei singoli comuni.

 

 

Gian Paolo Maini

Addetto stampa Comune di Castelvetro di Modena

338.2640620

 

 

 

 

 

 


 

untitled (71).png (201 Kb)
 

Download

 
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati