UNICEF: Una Storia bellissima

Condividi su i tuoi canali:

La testimonianza del Presidente Unicef per Modena e provincia, Prof.ssa Adonella Ferraresi Ferrari sull’Unicef  e sulle sue meritorie attività, ai giorni nostri 

 


Sabato 8 aprile 2017, a partire dalle ore 20,00, a “Villa Cesi” ( Strada per Nonantola) di Bagazzano, si svolge la cerimonia di premiazione dei vincitori della 61.ma edizione del “Premio Ragno d’Oro pro-Unicef” , che la giuria (presieduta dal Rettore dell’Università di Modena e Reggio Emila, Angelo O. Andrisano , vice-presidente la presidente provinciale UNICE Modena, Adonella Ferraresi) ha scelto tra i tantissimi concorrenti. Come suggerisce lo statuto , ogni anno,  il Premio viene attribuito “ ai modenesi per nascita o per adozione che in patria o all’estero con genialità o intraprendenza onorano la città di Modena”. I vincitori della 61.ma edizione del “Premio Ragno d’Oro pro-Unicef 2017” sono (in ordine alfabetico) Michele COLAJANNI (“Premio Ricerca e Innovazione”),  Fabio FERRARI (“Premio Startup Giovani”),  Anna Marchetti (“Premio Industria”) e Cristian PEDERZINI  (“Premio Organizzazione Industriale”)  .

Il “Premio Ragno d’Oro pro-Unicef”  è l’unico in Italia (in passato c’era anche il “David di Donatello” a Roma) vanta la più antica e gloriosa tradizione in Europa. Nel mondo , sono soltanto 24 le manifestazioni pro Unicef.  

Il “Premio Ragno d’Oro pro-Unicef” si propone di informare-sensibilizzare i cittadini sulle meritorie attività dell’Unicef  e di raccogliere risorse finanziarie per  la realizzazione delle attività stesse. Grazie all’Unicef  Modena  e al “Premio Ragno d’Oro pro-Unicef” , tra l’altro,  l’Unicef  Modena ha realizzato il Progetto finalizzato alla assistenza dei bambini di strada della Repubblica democratica del Congo , con la creazione e gestione (dal 2002) del “Centro di accoglienza e il Villaggio “Città di Modena” , per i bambini di strada di Kinshasa ( in tutta la Repubblica democratica del Congo, l’Unicef Modena ha offerto l’assistenza integrata a più di 36.700 bambini di strada, vulnerabili, ogni anno) . 

Il ricavato della 61.ma edizione del “Premio Ragno d’Oro pro-Unicef” sostiene, in particolare, il  progetto “Vacciniamoli tutti” , che si prefigge di ridurre quanto più possibile il numero di bambini che, ogni giorno, nel mondo, muoiono prima di compiere cinque anni, vittime di malattie prevenibili con un vaccino , o, soltanto con la conoscenza di alcune basilari norme di igiene e profilassi.

Segue la testimonianza del Presidente Unicef per Modena e provincia, Prof.ssa Adonella Ferraresi Ferrari sull’Unicef  e sulle sue meritorie attività, ai giorni nostri

 

Roberto Armenia

 

UNICEF: Una Storia bellissima

Bambine e bambini malnutriti, abbandonati, soli. Bambini soldato, bambine spose. È vero, il mondo è carico di orrore, miseria, povertà, guerra, ma l’UNICEF lavora ogni giorno per assicurare loro un futuro dignitoso, durante le emergenze e nei luoghi più remoti della terra, affinché tutti i bambini e le bambine possano crescere sani, giocare, andare a scuola e realizzare i loro sogni nel pieno rispetto dei loro diritti. Perché i bambini sono sempre bambini, ovunque nascano o crescano.

 

Quella dell’UNICEF è una storia di infanzie negate e ritrovate, di bambini curati e protetti, di bambini salvati. È la storia di quanti risultati si possono ottenere quando si collabora tra governi, individui e comunità e si investe per tutelare i diritti dei più piccoli e vulnerabili.

 

Eppure ancora oggi, nel mondo, muoiono ogni anno quasi 6 milioni di bambini sotto i 5 anni per cause prevenibili. Non c’è tragedia più grande della morte di un bambino. E non c’è tragedia più inaccettabile di questa se pensiamo che, nell’assoluta maggioranza dei casi, a spezzare una vita appena iniziata non sono patologie incurabili o incidenti imprevedibili, ma banali malattie che si potrebbero prevenire o curare con vaccini o medicinali di base.

 

L’UNICEF lavora ogni giorno per garantire loro sopravvivenza e sviluppo, in particolare ai bambini più vulnerabili, quelli che vivono nelle zone sotto assedio, o in quelle colpite da catastrofi naturali, nelle strade di città in degrado o nei villaggi più isolati, cercando di raggiungere fino all’ultimo bambino in pericolo. Lavoriamo con programmi nel campo sanitario, dei servizi igienici e forniture di acqua, dell’istruzione, della protezione e dell’assistenza alle madri. Interveniamo nelle emergenze umanitarie, non solo con l’invio di aiuti di primo soccorso, come alimenti terapeutici per i bambini malnutriti, kit sanitari e medicinali, tavolette per potabilizzare l’acqua, teli impermeabili e coperte, ma anche con programmi di sostegno psicologico per i bambini traumatizzati dai conflitti o dalle catastrofi naturali. E ora più che mai con particolare attenzione a quei contesti di crisi che sono alla base dei principali flussi migratori.

 

Le calamità naturali, i conflitti armati e le migrazioni espongono ulteriormente i bambini ai peggiori rischi di abuso e sfruttamento, soprattutto quando rimangono soli. Secondo le stime più recenti quasi 250 milioni di bambini – 1 su 9 – vivono in zone e regioni coinvolte da conflitti armati. Dietro questi numeri ci sono storie di enormi sofferenze. Oggi milioni di famiglie – di cui 50 milioni bambini – sono costrette a lasciare le proprie case per fuggire da violenze, persecuzioni e privazioni, troppo spesso rischiando la vita in cerca di sicurezza e di un futuro migliore.

Le statistiche testimoniano che sono stati realizzati molti progressi in termini di sopravvivenza e di salute infantile, ma il lavoro da fare è ancora immenso, perché oltre alla sopravvivenza è necessario garantire ai bambini e ai ragazzi protezione, istruzione, una giusta opportunità per il futuro in modo da realizzare i loro sogni e le loro aspirazioni più profonde.

 

Il nostro compito è di continuare il lavoro facendo tesoro dell’esperienza e del supporto di tutti coloro che nel tempo non hanno mai cessato  di credere in un futuro migliore per l’umanità. Da chi ha fondato l’UNICEF, a chi ha contribuito a farla crescere, a coloro che ogni giorno lavorano sul campo. Ma anche ai partner, ai testimonial, ai volontari e alle istituzioni che ci accompagnano da sempre in questa “Storia bellissima”. Storia che è arricchita e caratterizzata anche da manifestazioni come il “Premio Ragno d’Oro pro-UNICEF”, che, da 61 anni,  concorre a sensibilizzare i cittadini sulle meritorie attività dell’UNICEF , anche con la raccolta di importanti risorse finanziarie

Adonella Ferraresi Presidente  UNICEF Modena e provincia

Nella fotografia, da sinistra: Il Sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli ( componente la giuria “Premio Ragno d’Oro 2
017”), il Presidente Unicef Modena ( e vice-presidente della giuria 2017) Adonella Ferraresi , autrice della testimonianza  soprascritta, il Rettore dell’Università di Modena e Reggio Emilia, Presidente della giuria 2017, Angelo. O. Andrisano  e il Presidente nazionale Unicef Giacomo Guerrera.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Educare in tempo di crisi

Conferenza del professor Gianpaolo Anderlini al BLA di Fiorano Modenese Giovedì 29 febbraio 2024 il terzo incontro del ciclo 2024 di incontri organizzati dal liceo Formiggini,