UNA SALA DELLA BIBLIOTECA DI CASTELFRANCO DEDICATA A ONESTINO LEONARDI

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Giusta, giustissima la decisione del Comune di Castelfranco Emilia di dedicare, sabato 3 settembre 2016,  la Sala Studio della Biblioteca Comunale di Castelfranco Emilia a Onestino Leonardi, , che è stato un entusiasta organizzatore-animatore della Biblioteca stessa. Mi riferisco  agli anni Sessanta del secolo scorso. In particolare all’anno 1962, quando a Modena, nel cortile del Palazzo dei Musei, ha visto la luce (ed ha avuto successo presso i maggiori 17 editori i e presso i più qualificati mass media italiani) la prima edizione del “Festival del Libro economico” (idea mutuata da una serie di servizi giornalistici di Gianfranco Corsini, docente universitario e corrispondente da Washington per l’allora “magazine” , “Paese Sera- Libri”) . Per la prima volta (come aveva fatto Majakovskij in Unione Sovietica negli anni Venti) a Modena, gli autori venivano ospitati anche al di fuori dell’allora Sala Comunale della Cultura: presso aziende –nell’intervallo del pasto di mezzogiorno- , presso circoli e associazioni culturali e , soprattutto, presso la “Biblioteca comunale di Castelfranco Emilia”, per volere e grazie alla appassionata collaborazione del direttore Onestino Leonardi. Non aveva frequentato alcun corso di biliotecnica e biblioteconomia, forse non conosceva il metodo “Dewey” che, poi, è stato riconosciuto ed adottato, ufficialmente,  anche in Italia, ma sicuramente è stato prezioso per portare a Castelfranco Emilia alcuni “prestigiosi” e importanti autori italiani. Allora , Modena e Castelfranco hanno  ospitato (in ordine alfabetico) autori come  Alberto Bevilacqua (era esordiente), Luciano Bianciardi,  Piero Chiara, Dacia Maraini, Lucio Mastronardi, Alberto Moravia, Pier Paolo Pasolini e Cesare Zavattini ecc  Tra gli editori (sempre in ordine alfabetico)Roberto Bonchio (Editori Riuniti),  Giulio Einaudi,  Federico Enriques (“Zanichelli editore”), GianGiacomo e Inge Feltrinelli,, Livio Garzanti, Arnoldo Mondadori (tenne una “superba”  relazione ad un Convegno sull’editoria e sui problemi della distribuzione , che oggi, come allora, sono i più difficili da affrontare e risolvere), Giovanni Pirelli (“Edizioni Avanti” e “Dischi del Sole”, poi “Arcophon”) Angelo Rizzoli, Roberto Olivetti e Renzo Zorzi   (“Edizioni di Comunità”)ecc .  Onestino Leonardi è stato uno dei più attivi ed entusiasti promotori e organizzatori di quegli incontri, presso la sua “Biblioteca comunale” di Castelfranco Emilia.

                                                                                                                                      

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo