UNA SALA DELLA BIBLIOTECA DI CASTELFRANCO DEDICATA A ONESTINO LEONARDI

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Giusta, giustissima la decisione del Comune di Castelfranco Emilia di dedicare, sabato 3 settembre 2016,  la Sala Studio della Biblioteca Comunale di Castelfranco Emilia a Onestino Leonardi, , che è stato un entusiasta organizzatore-animatore della Biblioteca stessa. Mi riferisco  agli anni Sessanta del secolo scorso. In particolare all’anno 1962, quando a Modena, nel cortile del Palazzo dei Musei, ha visto la luce (ed ha avuto successo presso i maggiori 17 editori i e presso i più qualificati mass media italiani) la prima edizione del “Festival del Libro economico” (idea mutuata da una serie di servizi giornalistici di Gianfranco Corsini, docente universitario e corrispondente da Washington per l’allora “magazine” , “Paese Sera- Libri”) . Per la prima volta (come aveva fatto Majakovskij in Unione Sovietica negli anni Venti) a Modena, gli autori venivano ospitati anche al di fuori dell’allora Sala Comunale della Cultura: presso aziende –nell’intervallo del pasto di mezzogiorno- , presso circoli e associazioni culturali e , soprattutto, presso la “Biblioteca comunale di Castelfranco Emilia”, per volere e grazie alla appassionata collaborazione del direttore Onestino Leonardi. Non aveva frequentato alcun corso di biliotecnica e biblioteconomia, forse non conosceva il metodo “Dewey” che, poi, è stato riconosciuto ed adottato, ufficialmente,  anche in Italia, ma sicuramente è stato prezioso per portare a Castelfranco Emilia alcuni “prestigiosi” e importanti autori italiani. Allora , Modena e Castelfranco hanno  ospitato (in ordine alfabetico) autori come  Alberto Bevilacqua (era esordiente), Luciano Bianciardi,  Piero Chiara, Dacia Maraini, Lucio Mastronardi, Alberto Moravia, Pier Paolo Pasolini e Cesare Zavattini ecc  Tra gli editori (sempre in ordine alfabetico)Roberto Bonchio (Editori Riuniti),  Giulio Einaudi,  Federico Enriques (“Zanichelli editore”), GianGiacomo e Inge Feltrinelli,, Livio Garzanti, Arnoldo Mondadori (tenne una “superba”  relazione ad un Convegno sull’editoria e sui problemi della distribuzione , che oggi, come allora, sono i più difficili da affrontare e risolvere), Giovanni Pirelli (“Edizioni Avanti” e “Dischi del Sole”, poi “Arcophon”) Angelo Rizzoli, Roberto Olivetti e Renzo Zorzi   (“Edizioni di Comunità”)ecc .  Onestino Leonardi è stato uno dei più attivi ed entusiasti promotori e organizzatori di quegli incontri, presso la sua “Biblioteca comunale” di Castelfranco Emilia.

                                                                                                                                      

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...