Una corona a Palazzo 

Condividi su i tuoi canali:

Presentazione Nazionale della riproduzione della Corona di Maria Beatrice d’Este ( Mary of Modena). Servizio fotografico di Corrado Corradi

Dall’incontro, nel 2005, tra Laura Corallo e Laura Rebuzzi, Presidenti delle rispettive associazioni Viceversa e BBbassa E.R. (associazione turistica e culturale), è nato l’incontro e un sodalizio d’amicizia e successivamente di lavoro che si è concretizzato con lo sviluppo di progetti innovativi, sani e determinati e possiamo dire visionari. Nel 2021 entrambe decidono di unire le loro competenze dando vita ad un progetto di tipo storico-artistico-turistico commerciale-economico-imprenditoriale che potesse essere di interesse nazionale e internazionale dando seguito ai progetti passati, fruibili da tutti e soprattutto legati alle realtà attuali.

Laura Corallo ha individuato tramite studi e ricerche approfondite sulla dinastia d’Este, iniziate nel 2016/2017, il personaggio chiave di Maria Beatrice. Consequenzialmente entrambe hanno individuato il simbolo più importante, la ‘corona’, la quale permetterà lo sviluppo di innumerevoli iniziative itineranti e che seguiranno un cammino: fisico, spirituale, culturale, turistico che lega il passato con il presente e facendo prevedere il cammino del futuro. Laura Rebuzzi avendo alle spalle anche studi artistici importanti, ha potuto individuare in Lucia Vincenzi, (artista artigiana, di moda e costumista e creatrice di copricapi) la professionista più indicata per la realizzazione dell’iconico copricapo.

Il giorno 27 aprile si è svolta, presso il Santuario di Fiorano Modenese, eretto dal nonno della regina, Francesco I, (cattolico fervente che immaginò nel costruirlo il collegamento spirituale tra cielo e terra) la presentazione nazionale della ricostruzione della Corona indossata dalla principessa modenese Maria Beatrice d’Este (Mary of Modena), diventata Regina (consorte) d’Inghilterra (1685/1689) a seguito del suo matrimonio con Giacomo II Stuart e l’ultima cattolica sul trono. L’iconico manufatto rappresenta un pezzo unico in Italia ( un’altra copia è conservata invece nella Tower London di Londra dove sono conservate i gioielli della corona). Per volontà di Don Roberto, Parroco di Fiorano e rettore del Santuario Diocesano, sono state esposte in parallelo anche le corone d’oro con le quali viene solennizzata l’immagine della Beata Vergine del Castello. 

Tra le autorità presenti Don Riccardo Fangareggi in rappresentanza della Diocesi Nonantolana e Claudio Casolari, Presidente Pro Loco Sassuolo. Il momento più suggestivo è stata la benedizione della corona di Maria di Modena preceduta dall’intervento del cerimoniere Gabriele Imperato, esperto di Cerimoniale, che ha spiegato la storia della corona dal punto di vista non materiale bensì spirituale oltre al collegamento della corona di Gesù Cristo ai giorni nostri. 

Nel mese di maggio la corona di Maria di Modena sarà esposta al pubblico nel mese di maggio ( domenica 12 e 19) nella cappella Messori. In seguito la corona inizierà il tour nelle località del territorio emiliano: nel periodo estivo il Castello di Montecuccolo a Pavullo, gestito dall’Associazione Terra e Identità mentre nel mese di ottobre, ricorrenza del compleanno, nel Palazzo Ducale di Modena che ospita l’Accademia Militare e dove Maria ha visto i natali il 5 ottobre 1658 . Il tour proseguirà nella regione Veneto. 

Al termine della cerimonia è stata donata copia del certificato di matrimonio di Maria di Modena, avvenuto per procura e donato dall’Archivio Storico Diocesano come ricordo dell’evento. 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gettare il sasso e nascondere la mano…

È un copione assai noto: c’è chi lancia pubblicamente un metaforico sasso, offendendo, insinuando, accusando… in modo voluto e inequivocabile, qualcuno e poi, vigliaccamente, nega

Appunti sulle Amministrative

ASTENSIONISMO All’appello dei votanti manca la metà degli aventi diritto… e stiamo parlando di votare per la propria città, non solo per la lontana Europa.