UN MODO ORIGINALE PER AUGURARE BUON ANNO: la Pasticceria Remondini e l’Agenzia di Comunicazione Nevent

Condividi su i tuoi canali:

None

 

 

Rivisitando la tradizione napoletana del caffè sospeso, il primo gennaio, ai primi duecento clienti verrà offerto un espresso

Un’idea nata dalla collaborazione tra la storica Pasticceria Remondini e l’Agenzia di Comunicazione Nevent

 

“Sarà la rivisitazione, in chiave modenese, dell’antica tradizione partenopea del caffè sospeso.  Ai primi duecento clienti che la mattina del primo gennaio verranno a trovarci offriremo un espresso. L’idea, semplice ed originale, ci è venuta perché volevamo augurare un sereno 2015 in modo non convenzionale e sottolineare ancora una volta la nostra volontà di continuare ad investire sul centro storico” sottolinea Mauro Rossi, titolare della Pasticceria Remondini, da sempre convinto sostenitore della necessità di promuovere, in modo congiunto, iniziative volte ad animare il cuore di Modena.

 

 

L’idea è nata dalla collaborazione tra la Pasticceria Remondini e l’Agenzia di Comunicazione di Modena Nevent che in questi mesi ha affiancato Mauro Rossi nella promozione dello storico locale attivo dal 1936. “Il dinamismo di Mauro è davvero contagioso e così abbiamo pensato ad un piccolo gesto legato ad una delle abitudini più amate dagli italiani” ha aggiunto Ilenia Veronesi, giovane socia di Nevent.

 

Il primo gennaio 2015 la Pasticceria sarà aperta dalle 8.00.

 

 

La tradizione del caffè sospeso

Il caffè sospeso è un’abitudine un tempo viva nella tradizione napoletana. Il cliente del bar, dopo avere consumato un caffè, sceglie di donarne un secondo a beneficio di uno sconosciuto che potrà così bere il caffè sospeso.

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ad onta dell’art. 21

“Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.”  Diciamo quasi  tutti…dato che  una

La corona di Maria Beatrice d’Este

Nel corso di una solenne cerimonia, la presentazione all’all’ambasciatore di Polonia della corona di Mary of Modena, moglie di re Giacomo II, ultima regina cattolica