Un corso per ridere e per vivere

Condividi su i tuoi canali:

None

La sede dell’Emilia-Romagna di “”Ridere per vivere!””, associazione socio-sanitaria culturale di clown dottori e volontari del sorriso, insieme a Homo Ridens!, istituto di ricerca, documentazione e formazione in gelotologia-comicoterapia, organizza un corso di formazione per volontari del sorriso, perchè, come dicono L. e M. Cowan: “”La medicina non è divertente, ma c’è molta medicina nel divertimento””.

Il corso, della durata di circa 90 ore, avrà inizio a ottobre, con incontri nei fine settimana e si svolgerà a Fiorano Modenese. Il corso prevede un numero massimo di 25 partecipanti, che verranno selezionati tramite curriculum vitae e colloquio personale.

Per le iscrizioni inviare Curriculum Vitae entro il 23 settembre 2007, all’indirizzo di posta elettronica: rideviveemili@tiscali.it, oppure a: Ridere per Vivere Sede Emilia Romagna Via Mazzini 3, Fiorano Modenese. I colloqui si svolgeranno tra il 28 e il 30 settembre a Fiorano Modenese

Per ulteriori informazioni contattare rideviveemilia@tiscali.it, oppure Eleonora 333.44.16.061.

Ridere per Vivere è un’Associazione socio-sanitaria culturale a livello nazionale che dagli anni Novanta si occupa della ricerca e dello studio della gelotologia/comicoterapia.

La Sede Emiliana opera sul territorio a partire dal 2000, forma e promuove l’attività dei Clown Dottori e dei Volontari del Sorriso all’interno degli ospedali, principalmente nei reparti pediatrici, per cercare di portare il buonumore in un luogo in cui, solitamente, il buonumore non è di casa.
Le attività svolte dai volontari dell’Associazione si basano sugli studi e sulle ricerche della Gelotologia, materia che si occupa di come le emozioni positive (amore, speranza, fiducia, gioia…) siano potenti alleate della nostra salute. Tra le emozioni positive il ridere è la più potente, duttile e facile da reperirsi. Il lavoro dell’Associazione poggia su solidi presupposti scientifici: la gelotologia, infatti, prende le mosse dalla PsicoNeuroEndocrinoImmunologia (PNEI), quella nuova branca della medicina che studia gli effetti delle emozioni sul sistema immunitario.
Gli ambiti in cui opera il Clown Dottore e il Volontario del Sorriso non si limitano ai reparti pediatrici degli ospedali ma anche, in ambito sanitario: lungodegenze, riabilitazione, reparti oncologici, anziani, diversabilità motoria e mentale, sale d’aspetto, reparti dialisi, odontoiatria, persone co diabete, etc. In ambito sociale: centri giovanili, bambini iperattivi, scuole, carceri, missioni umanitarie.

Il “”volontario del sorriso”” è un clown, riceve una formazione specifica e accurata per poter operare in ambiti particolari. La formazione serve a fissare l’identità della associazione, a fornire una visione olistica dell’essere umano (corpo, emozioni, mente, spirito), a provocare ed accompagnare i cambiamenti di personalità necessari per dare amore, serve a fornire elementi di base (espressività, tecniche ludiche, consapevolezza, relazione d’aiuto ecc..) utili alle attività che andrà a svolgere.

I Volontari del Sorriso sono di fatto “”animatori socio sanitari””, in grado di portare l’energia del sorriso e del riso come aiuto concreto creativo nei luoghi di degenza o simili. L’aiuto concreto creativo consiste nell’animazione, nella proposta di giochi, spettacoli, performance, uso di marionette e di burattini, sempre nel contesto della comicoterapia. L’intervento è effettuato dagli operatori in equipe di 3/5 persone, ed è volto verso gruppi di degenti o utenti, al fine di portare gioia, calore, amore

Per informazioni più approfondite riguardanti l’Associazione Ridere per Vivere e il Volontario de

l Sorriso visitate www.riderepervivere.it

 



 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ad onta dell’art. 21

“Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.”  Diciamo quasi  tutti…dato che  una

La corona di Maria Beatrice d’Este

Nel corso di una solenne cerimonia, la presentazione all’all’ambasciatore di Polonia della corona di Mary of Modena, moglie di re Giacomo II, ultima regina cattolica