U.S. Sassuolo: vittoria sotto il diluvio

Condividi su i tuoi canali:

None

 

 

 

La formazione neroverde ha portato a casa la prima vittoria in serie A per 2 – 1 contro il Bologna in un campo trasformatosi in una laguna.

 

 

 

Un vero e proprio spareggio tra le formazioni ultima e penultima di campionato.

Il derby emiliano ha visto trionfare il Sassuolo di Eusebio Di Francesco contro il Bologna Stefano Pioli. La squadra neroverde abbandona così la maglia nera della classifica di serie A e guadagna ben due posizioni, mentre è proprio il team rossoblu che con questa quinta sconfitta scivola posto di ultimo classificato.

Tutta la partita, che è stata funestata da circa metà del primo tempo da una pioggia torrenziale e da un vento di tempesta (non sono mancati nemmeno i tuoni e i fulmini), si è svolta nel segno di due stili di gioco molto diversi. Il Bologna in netta superiorità sul piano tecnico, si è assicurato un possesso di palla preponderante, ma la formazione del capoluogo ha pagato però lo scotto di un gioco troppo artificioso, complesso e cervellotico, fatto di infiniti passaggi, esitazioni e arretramenti di palla. Il Sassuolo invece ha attuato un gioco molto più fluido e veloce, così come ha mostrato una maggiore rapidità rispetto al Bologna si sono rivelati i suoi giocatori; nonostante l’esiguo possesso di palla la squadra neroverde ha realizzato diverse occasioni per segnare. Al dodicesimo minuto di gioco, è il Sassuolo a passare in vantaggio, è il veloce Berardi ad essere atterrato in area, ed è lui stesso a trasformare il rigore concesso in gol di sinistro. 

     Dopo soli cinque minuti i padroni di casa vanno al raddoppio, fa tutto Floro Flores che dai 20 metri scarica un potente destro rasoterra che trova la deviazione di Krhin che neutralizza il portiere Curci, in grave ritardo nell’attuare un tentativo di parata. Il 2-0 scarica però la grinta combattiva il Sassuolo per tutto il reato dell’incontro che, sotto il nubifragio, gioca il resto della partita sulla difensiva lasciando campo al Bologna che comincia a tratti ad abbandonare il gioco cervellotico e attacca rabbiosamente ma poco prolificamente. In area nasce una mischia nella quale Rossini copie fallo su Natali e tocca il pallone con un braccio. Sarà Diamanti a trasformare infilando una vera cannonata sotto l’incrocio dei pali. Così i rossoblù si rianimano e nel finale del primo tempo si fanno ancora pericolosi con le conclusioni di Cristaldo, deviata dal veloce Pegolo, e del solito Diamanti. La due difese conosciute finora con la poco lusinghiera qualifica di peggiori del campionato, favoriscono lo spettacolo e così Kone, Laribi e Floro Flores vanno vicini al gol, ma l’occasione migliore capita a Cech, il cui tiro viene rinviato sulla linea da Antei. Al Bologna manca la fortuna nel realizzare il pareggio, non le occasioni né la combattività.

L’incontro si conclude con soli tre minuti di recupero su un campo ormai inondato dove la sfera quasi non rimbalza più, la pioggia cade copiosa a Reggio Emilia, una pioggia benedetta per il Sassuolo ma lacrime copiose per il Bologna.

 

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Amici della Musica di Modena

CONCERTI D’OGGI Domenica 11 dicembre – ore 17:00 Modena – Hangar Rosso Tiepido DUO PIANISTICO SCHIAVO-MARCHEGIANI Marco Schiavo – pianoforte Sergio Marchegiani – pianoforte Musiche