Tutto è politica e la politica è tutto

Condividi su i tuoi canali:

Cos’hanno in comune Aristotele, Papa Ratti, Ronald Reagan? Alcune fra le più calzanti, a mio avviso, definizioni della politica; realistico il primo, spirituale e ispirato il secondo, ironico e disincantato il terzo. Noi, delusi e amareggiati cittadini elettori, spesso usiamo termini meno alati! Innegabile che ci siano profonde motivazioni per essere in uno stato d’animo negativo e conflittuale, nei confronti di chi, eletto, tradisce il mandato degli elettori, privilegiando interessi personali e di partito, anteponendoli al bene dei cittadini

 


E’ facile essere tacciati di qualunquismo, quando si emettono giudizi negativi sulla politica, tutti ci permettiamo di darne, qualche volta con reali conoscenze, altre volte  semplicemente sull’onda delle nostre personali amarezze e delusioni. Rientra nei nostri diritti di cittadini e, purtroppo, abbiamo le nostre ragioni. Non mancano certo le più svariate definizioni della politica di personaggi   del passato recente e remoto, che ne danno differenti valutazioni

Spirituale e ispirato Papa Achille Ratti, Pio XI:
 “E tale è il campo della politica, che riguarda gli interessi di tutte le società, e che sotto questo riguardo è il campo della più vasta carità, della carità politica, a cui si potrebbe dire null’altro, all’infuori della religione, essere superiore”. E inoltre: “Tutti i cristiani sono obbligati ad impegnarsi politicamente. La politica è la forma più alta di carità, seconda sola alla carità religiosa verso Dio”.

Ironico e disincantato Ronald Reagan :
“”Qualcuno una volta ha detto che la politica è la seconda più antica professione. Sto cominciando a pensare che somigli alla prima.””

Realistico e positivo  Aristotele, :
“La politica è l’amministrazione della polis per il bene di tutti, è la  determinazione di uno spazio pubblico al quale tutti i cittadini sono tenuti a partecipare”.

Noi, delusi e amareggiati cittadini elettori, spesso usiamo termini meno alati e, altrettanto spesso, pensiamo di dimostrare la nostra amarezza disertando le urne. Innegabile che ci siano profonde motivazioni per essere in uno stato d’animo negativo e conflittuale, nei confronti di chi, eletto, tradisce il mandato degli elettori, privilegiando interessi personali e di partito, anteponendoli al bene dei cittadini ; non si dovrebbero, tuttavia,  mai disertare  le urne, la sola occasione concessa ai cittadini di partecipare attivamente alla politica, esercitando il loro diritto – dovere … ma, evidentemente, chi non si reca a votare  è dello stesso pensiero di Mark Twain il quale  afferma che:
”Se votare facesse qualche differenza, non ce lo lascerebbero fare”.
Come spesso accade, in molti altri aspetti dell’umano consesso, forse hanno  tutti un po’ ragione.

Il disamore nei confronti della politica è ispirato dalla cialtroneria di molti suoi rappresentanti, in ogni tempo … anche se, temo, essi siano in concentrazione maggiore nei nostri sciagurati anni nei quali hanno, troppo spesso, trovato rifugio in essa, gaglioffi senza arte né parte, nullafacenti, fino a qualche emerito delinquente. Ma la politica non è questa. La politica è l’attività le cui basi e motivazioni siano l’etica, la preparazione, l’interesse superiore, il bene dei cittadini. Se perdiamo anche questa speranza, non rimane che consegnare il nostro destino a politici che non abbiamo eletto, che non abbiamo scelto, dei quali non abbiamo fiducia né stima e questa,  francamente, è la più buia delle notti.

^^^^^^^^^^^^^^

Come di consueto, qui di seguito presento brevemente il numero on line da oggi. I titoli in grassetto sono link che portano direttamente ai relativi pezzi. Questo per consentire anche a chi ha poco tempo, di poter sfogliare più facilmente il giornale.

Tutto è politica e la politica è  tutto

A.D.Z.

Parole inopportune dette da un ministro: – Serve basso profilo…-

Massimo Nardi

La politica estera dell’Italia è pari al peso di una formica contro quello di un elefante. Se poi tale ministero è gestito da un ex steward dello stadio, non aspettiamoci molto.

Correre il Gran Premio con un’auto a pedali

Alberto Venturi

La foglia di fico che il Coronavirus autunnale sta facendo saltare è la capacità di trasformare in realtà le volontà che governanti, politici e istituzioni hanno annunciato. A partire da Roma per arrivare ai nostri comuni il sistema Paese non funziona. E’ farraginoso e lento, con una moltiplicazione delle competenze che diventa compito di nessuno perché ognuno ne ha soltanto un pezzettino. 

 “Una sera al museo – Galleria dell’Accademia di Firenze”

La Reine

Al Centro Via Vittorio Veneto si riparte con il ciclo di incontri culturali 2020 – 2021 che prevede ben 12 appuntamenti per conoscere meglio i musei di Londra, Amsterdam, Monaco, New York e Roma.

Forse a volte non si possono salvare

Ugo Volpi

Il titolo è raggelante: ‘L’eroina dal fidanzato come regalo dei 18 anni’, come del resto la conclusione: morte per overdose. La Procura promette “Che sia stato o no un regalo di maturità, noi faremo di tutto per capire chi ha fatto questo dono, chi lo ha confezionato, chi lo ha venduto, per fare a lui, o a loro, a nostra volta un regalo”.

Meloni sindaco di Roma

Paolo Danieli

L’anno prossimo ci sono le elezioni a Roma. Deve saltar fuori un candidato sindaco del centrodestra per battere la Raggi. Girano dei nomi, ma l’unico che vale la pena di spendere è quella di Giorgia Meloni e non solo perché è “romana de Roma”, non solo perché vincerebbe sicuramente, ma per una ragione squisitamente politica.

“”Boom di monopattini elettrici a Modena, servono regole chiare: a rischio la sicurezza di tutti””

Stefano Corti

Al giro di vite applicato agli automobilisti con l’introduzione di nuovi strumenti elettronici, non corrisponde una simile attenzione su chi viaggia in monopattino, senza dimenticare, ad esempio, che i dossi stradali rappresentano un ostacolo potenzialmente pericolosissimo per questi mezzi. Per evitare di dare l’impressione che per chi viaggia sui nuovi veicoli elettrici le regole non valgano, occorre una seria campagna di educazione stradale nelle scuole e introdurre un regolamento comunale preciso.

Buona settimana e buona lettura del n. 721 – 414

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...