Tutto è già stato scritto

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp

I concetti, le aspirazioni e gli aneliti dell'Uomo  non cambiano, ciò che serve al cittadino, in termini di  sicurezza, istruzione, lavoro, cura  da parte dello Stato nei suoi confronti... è sempre uguale, non dipende da colore politico, latitudine, epoca. Che parli Melania Trump o Michelle Obama.

Ci sono guai decisamente peggiori, in questa  terribile  estate,  rispetto alla scopiazzatura   di un discorso da parte di un’aspirante First lady, Melania Trump, ai danni della prima signora d’America in carica, Michelle Obama. La strage di Nizza, la sanguinosa repressione del golpe contro Erdogan,  l’attentato al centro Commerciale  di Monaco, l’assalto compiuto sul  treno regionale in viaggio da Treuchtlingen a Würzburg, in Baviera, la barbara uccisione di una giovane donna in attesa di un figlio, a Reutlingen, non lontano da Stoccarda, l’attacco suicida di Norimberga… appena qualche ora fa…

Una terrificante serie di eventi, tanto  sangue innocente sparso, tanto dolore..
( I link attivi, portano direttamente alla notizia, per riportare alla mente dei Lettori  gli episodi citati.)

Alle tragedie, come spesso accade nella cronaca,  si accompagna la farsa,nella fattispecie, la farsa che ha destato clamore, l’ imbarazzante discorso di Melania Trump, con due passaggi pressochè identici a quello pronunciato da Michelle Obama. L’ho definito imbarazzante, e potrete giudicare a vostra volta,  dato che ho accluso i passaggi “”incriminati”” e l’originale.

Quasi un ridicolo copia-incolla, come si suol dire.

Cambiano le persone che scrivono e parlano ma le parole, tutte, sono già state scritte e dette.

Questo vale per i grandi temi dell’esistenza umana, com per altri,  importanti ma più transitori, come la politica, i discorsi di insediamento, gli auguri  per le vacanze.

Non scuso assolutamente  la negligente speechwriter di Melania Trump, che nemmeno si è data la pena di cambiare le parole. Tuttavia, chiunque faccia un discorso in una situazione simile, è costretto a ripetere concetti detti e ridetti, ben noti.

Può essere evitato forse il riferimento al rispetto, nei confronti di tutti, che un Presidente, primo fra i primi, deve  garantire? Oppure, si possono omettere  riferimenti alla tenacia, alla fedeltà alla parola data, alla determinazione e alla forza di volontà… doti che  sono preziose in ogni cittadino, valide garanzie  in un Capo di Stato?  Altrettanto, è forse possibile  esimersi dal citare l’America, come terra delle opportunità,  in cui ogni persona ha le stesse possibilità, nella quale il merito fa progredire? Oppure, si possono evitare  riferimenti al futuro dei figli, al mondo che verrà loro consegnato… ?

Tutto ciò che è intelligente è già stato pensato: bisogna solo ripensarlo di nuovoafferma Goethe.

Ciò che è stato malamente, non so se per dolo, superficialità  o altro, rabberciato e inserito nel discorso di Melania Trump poteva essere detto con altre parole, ma i concetti  sono eterni.

Le aspirazioni e gli aneliti dell’Uomo  non cambiano, ciò che serve al cittadino, in termini di  sicurezza, istruzione, lavoro, cura  da parte dello Stato nei suoi confronti… è sempre uguale, non dipende da colore politico, latitudine, epoca. Che parli Melania Trump o Michelle Obama.

 

*************************

Vi illustro brevemente il numero on line da oggi. I titoli  in grassetto portano direttamente agli articoli, per rendere più agevole la consultazione di Bice anche alle persone che hanno fretta  e  che  non hanno molto tempo a disposizione.

Tutto è già stato scritto

di A.D.Z.

Parliamo della Turchia in modo chiaro e leggibile

di Massimo Nardi

A Bruxelles si parla solo di salvare le banche, ma si trascura la repressione delle piu’ elementari regole democratiche in Turchia. 

Dizionario della settimana

di Alberto Venturi

Da Brexit a Turchia…eventi, paure,  personaggi, manie  e  tormentoni dell’estate 2016, con l’esortazione ai potenti : “”estate-vene buoni se potete!””

“La gioia di vivere” è possibile. La “ricetta” di Vittorino Andreoli.

di Roberto Armenia

Intervista allo scrittore e psichiatra di fama mondiale che  sarà a Vignola il 30 luglio. L’incontro, organizzato dalla “Fondazione di Vignola”  prende il nome dalla più recente opera,   “”Gioia di vivere”” , pubblicato da Rizzoli.

Tesoretto

di Alex Scardina

Il Sindaco di un piccolo paese ha rinunciato alla sua indennità  e come lui hanno fatto il Vice Sindaco e i Consiglieri. Questo ha consentito di mettere insieme un “”tesoretto”” capace di garantire i servizi essenziali del piccolo comune.

“”Sulla via (Emilia) per Woodstock””

di Francesca Mercury

Grande successo per  la 1° edizione  di “”Sulla via (Emilia) per Woodstock””,  manifestazione che ha riunito a Fiorano oltre 70 artisti emergenti e non, per una “” tre giorni di pace, amore e musica””,

Visti da vicino

Galleria fotografica a cura di Kevin Lupo ed Elisabetta Pini, sulla “”tre giorni”” “”Sulla via (Emilia) per Woodstock””, 

 

Auguro a  tutti, buona settimana, Buone Vacanze e buona lettura del n. 526-194.
 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ius Scholae

Fratelli d’Italia: “Bonaccini invece di offendere pensi a risolvere i problemi dei cittadini”Mentre imprese e cittadini sono in ginocchio davanti una grave crisi economica, caratterizzata

“PREMIO EMAS 2022”

L’ Ente Parchi Emilia Centrale vince il “Premio Emas 2022” per la dichiarazione ambientale piú efficace a livello nazionale L’Ente Parchi Emilia Centrale ha vinto