Tutti i colori del Presidente

Condividi su i tuoi canali:

L'elezione del Capo dello Stato, prossima ventura, crea attriti e polemiche fra le varie compagini.
art. di Maria

 

Fra i molti, troppi, motivi di contrasto, fra partiti e fazioni, c’è  anche la prossima elezione del capo dello Stato. Il  PdL, reclama affinchè l’eletto alla  suprema carica  non sia un nome gradito o, meno ancora, un nome  proposto dalla Sinistra  che già ha fatto il colpaccio, per così dire, piazzando Presidente della Camera e Presidente del Senato. Ora, se non ricordo male, anche il PdL  “piazzò” Gianfranco Fini e Renato Schifani, entrambi PdL , alla seconda e terza carica dello Stato… e nessuno potè certo dire nulla… erano stati eletti dal Parlamento, proprio come la Boldrini e Grasso.

Questo non significa certo che io straveda per loro, anzi. Sulla Boldrini mi sono già espressa, forse troppo, già nello scorso numero, Grasso mi permetterò di giudicarlo alla distanza.  Vedremo.

Comunque, entrambi hanno il sacrosanto dovere di dimenticare le loro simpatie politiche e la loro provenienza… perché devono dimostrare sul campo di essere, per tutti, degni dell’incarico che ricoprono.  Non m’importa, dato che non ho potuto sceglierli io, ovviamente, da quale partito  provengano e quale coalizione li abbia  sostenuti e candidati, mi importa  solo che ora siano all’altezza del compito loro affidato, con imparzialità e giustizia. Le questioni di partito,  i comizi, le parzialità… le lascino a casa, per cinque anni, salvo sorprese  elettorali anticipate.
Tornando all’elezione del Capo dello Stato, prossima ventura, non vedo differenze. Ogni fazione proporrà dei nomi ( curiosamente sempre gli stessi, tristemente sempre gli stessi, incredibilmente sempre gli stessi…) e poi l’assemblea deciderà.

Minacciare la rivoluzione, se non sarà eletto un  “moderato” ( qualunque significato il PdL attribuisca a questo termine) mi sembra veramente grottesco…Scendere nelle piazze perché il parlamento ha scelto un Presidente non gradito?   Non bastano già gli infiniti guai della Nazione, senza che si minacci la mobilitazione delle piazze per un Capo dello Stato  che non va a genio a qualcuno?   Non ha senso… il Presidente della Repubblica ha il dovere morale, l’obbligo di essere super partes, togliendosi qualsiasi casacca abbia indossato in precedenza, stracciando idealmente e non solo, qualsiasi tessera di partito. Chi è a capo di una nazione non può permettersi simpatie e antipatie, parzialità e ingiustizie, non può essere di Destra o di Sinistra, non deve avere nessun colore…O meglio, deve averli tutti, perché tutti i cittadini possano guardare con un minimo di serenità e fiducia a lui che,  per sette lunghi anni, li  rappresenterà, custodirà la Costituzione, vigilerà  sulla nazione, lontano da ogni bega politica, interessato solo al bene del Paese.

Se qualche Presidente in passato non l’avesse fatto, non sarebbe stato degno di questo immenso onore.

Ma questo è un altro discorso.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Fiera di San Rocco 2022

Dal 12 al 16 agosto: cinque giorni di festa, spettacoli e tanto cibo, ad ingresso gratuito! Ecco in arrivo la ultracentenaria Fiera di san Rocco,

Corso per Clown Dottori

Si parte a ottobre, ma gli incontri di presentazione del corso sono previsti il 6 e il 10 settembre L’associazione Dìmondi Clown organizza, a partire