TROMBA D’ARIA: IL BILANCIO

Condividi su i tuoi canali:

None

 

 

 

Sono numerosi i danni causati dalla tromba d’aria che, nel pomeriggio di ieri, si è abbattuta sul nostro territorio, tra Fiorano e Sassuolo in particolare.

Danni ad abitazioni e giardini privati, ma anche ad alcune piante presenti in parchi e giardini pubblici.

Rami spezzati in via Taormina, così come in viale Torino dove verrà abbattuto un platano sbrancato; un olmo in via Vittime 11 Settembre, due tigli spezzati che saranno abbattuti in via Radici in piano;  un albero spezzato in via Emilia Romagna che sarà abbattuto, così come in via Monginevro.

Un tiglio spezzato in via Regina Pacis , un noce che verrà abbattuto in via Frati Strada Alta.

Rami spezzati e pioppi a terra in viale Moncalieri e nei pressi dell’Albero d’Oro, sia in via Barbolini che in via Giordano

Presso le scuole San Giovanni Bosco in via Refice verrà recuperato un pioppo cipressino depezzato, presso la materna Don Milani  abete caduto a terra.

Operazioni di pulizia e recupero rami saranno effettuate al parco Vistarino e al parco Leoncavallo. Al parco Ducale 2 pioppi cipressini lato Fontanazzo sono caduti a terra e saranno da depezzati.

Alberi da rimuovere al parco via Collegio Vecchio, al parco Montesanto e in via Basilicata presso le scuole Andersen.

Ramia  terra da recuperare in via San Michele intersezione via Montanara; viale della Pace e presso le scuole Walt Disney di via Pisano.

Già da questa mattina è stata incaricata una ditta con una squadra composta n.3 operatori, cestello e camion per rimuovere le situazioni di pericolo. Contestualmente la squadra operai SGP interverrà per il recupero della ramaglia caduta su marciapiedi e aree verdi.

 

 


 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo