Treni. Due risoluzioni di Lega e M5s-Pd-Si-Misto chiedono impegno per elettrificazione e soppressione dei passaggi a livello

Condividi su i tuoi canali:

None

“”Qualificazione della rete ferroviaria regionale, soppressione dei passaggi a livello, elettrificazione di tutte le linee e rinnovo del materiale rotabile””. I due atti d’indirizzo sono stati approvati all’unanimità
 

Qualificazione della rete ferroviaria regionale, soppressione dei passaggi a livello, elettrificazione di tutte le linee e rinnovo del materiale rotabile. È l’impegno che che chiedono alla giunta tutte le forze politiche dell’Aula, che hanno votato all’unanimità due risoluzioni, una presentata da Gabriele Delmonte della Lega e l’altra da Silvia Piccinini del Movimento 5 stelle con Paolo Calvano (M5s), Silvia Prodi (Misto) e Igor Taruffi (Si).

Delmonte ha portato in Aula i disagi dei pendolari della Val d’Enza a causa dei passaggi a livello sulla linea Reggio-Ciano: “”Sono vetusti, problematici e hanno tempi di attesa lunghissimi, causando code e talvolta incidenti. È un problema che riguarda anche altre linee in regione, perché i passaggi a raso sono circa 400″”. Il consigliere della Lega ha sottolineato l’urgenza di intervenire con investimenti in tempi celeri, continuando un percorso di sostituzione dei passaggi con sottopassi o cavalcavia e  di ammodernamento tecnologico per ridurre i tempi di attesa. D’accordo sulla necessità di eliminare i passaggi a livello anche Silvia Piccinini: “”Creano disagi, rallentamenti e inquinamento””. La pentastellata ha rimarcato la necessità di elettrificare tutti i 950 chilometri di linea ferroviaria ancora non ammodernati. “”La Giunta si è presa degli impegni- ha sottolineato- e chiediamo che si concretizzino in questo bilancio e non nella prossima legislatura””.

Anche Paolo Calvano (Pd) ha ribadito l’importanza dell’elettrificazione delle linee sia a fini ambientali che per poter rinnovare il materiale rotabile: “Confido anche in risorse nazionali, in modo da avere i fondi necessari per intervenire su tutte le linee regionali, nessuna esclusa”.  Pure Igor Taruffi (Si) è detto convinto che siano necessarie politiche ambientali in grado di mettere al centro il trasporto pubblico ambientale, potenziandolo: “”Bisogna investire ingenti risorse nei prossimi anni per allargare la concezione di Tpl nella nostra regione””.

Matteo Rancan (Lega) si è concentrato sui problemi del pendolarismo piacentino e del passaggio a raso di Villanova sull’Arda: “”Ci sono stati casi in cui le ambulanze sonio rimaste bloccate, è un problema che va superato per la sicurezza dei cittadini e la sicurezza stradale. Serve un impegno concreto e trasversale su questo tema””. Anche per Gian Luca Sassi (Misto) c’è una necessità evidente di procedere in questa direzione: “”Bisogna accelerare su elettrificazione e rinnovo dei convogli, stanziando fondi entro questa legislature e non lasciando il testimone, se si vuole passare dalle parole ai fatti””. Giancarlo Tagliaferri (Fdi) ha sollecitato Rfi a fare la sua parte per elettrificare anche la linea tra Faenza e Firenze: “”Il trasporto su gomma è ormai al collasso con incidenti e rallentamenti all’ordine del giorno””.

(Giulia Paltrinieri)

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Parte il tour itinerante

Al Castello Montecuccolo a Pavullo nel Frignano (Mo) partirà il tour itinerante della copia della corona di Mary of Modena” in occasione sarà illustrato il

Grande fucile, piccolo cervello

L’attentato a Trump  ha mostrato gli incredibili punti  deboli, le falle nella sicurezza, della più grande democrazia del mondo anche se non sono mancati anche

Concorso Futuri Maestri

Sabato 13 luglio alle ore 18.30, presso Spacegallery di via Bonaccini 11, si è svolta la seconda edizione del concorso Futuri Maestri – Eccellenze creative