“TRASPORTO SCOLASTICO RESTA UN NODO DA SCIOGLIERE”

Condividi su i tuoi canali:

None

 

 

 

Il trasporto scolastico resta una criticità sulla quale occorre prestare la massima attenzione in vista della ripartenza delle attività didattiche a settembre.

Lo ha affermato Gian Domenico Tomei, presidente della Provincia di Modena e dell’Upi regionale, partecipando, martedì 21 luglio, al tavolo regionale operativo per l’organizzazione dell’avvio dell’anno scolastico 2020/21 che si è svolto alla presenza della ministra dell’istruzione Lucia Azzolina.

Nel corso dell’incontro, coordinato dall’Ufficio scolastico regionale, il presidente Tomei ha ribadito «la necessità di intervenire sulla problematica del trasporto scolastico che ad oggi resta uno dei nodi sui quali si rischia di compromettere la ripartenza dell’anno scolastico a settembre. Infatti – ha aggiunto Tomei – oggi la capienza consentita da un mezzo pubblico è del sessanta percento di quella ordinaria, dato che preoccupa poiché non è possibile integrare l’attuale dotazione di mezzi e personale».

Su questa considerazione è intervenuta anche la ministra Azzolina che nel suo intervento ha ripercorso il lavoro del Governo in queste settimane rispetto alla dotazione organica di insegnanti, all’adeguamento degli spazi e degli arredi, con particolare riferimento ai banchi per gli studenti, su cui il ministero sta compiendo investimenti per rendere le scuole in grado di accogliere il maggior numero di studenti.

L’incontro del tavolo regionale fa parte di un percorso voluto dalla Regione con le istituzioni che si occupano di istruzione, per condividere criticità e confrontarsi sulle soluzioni, a tutela della sicurezza sanitaria, in vista dell’avvio del prossimo anno scolastico il 14 settembre. 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo