Tra dovere di cronaca e rispetto della dignità umana

Condividi su i tuoi canali:

Le norme deontologiche della professione impongono  ai giornalisti nella  stesura dei loro articoli, quando si tratta di suicidi,  massima attenzione alla prudenza, al rispetto, alla informazione data senza enfasi,   limitata ai dati essenziali,  nel rispetto della dignità della persona. E, invece...

 

*****************************************************************************************

Non si possono contare, senza sgomento e amarezza, tutte le persone, troppe, che in pochi giorni hanno deciso di suicidarsi. Le norme deontologiche della professione impongono  ai giornalisti nella  stesura dei loro articoli massima attenzione alla prudenza, al rispetto, alla informazione data senza enfasi,   limitata ai dati essenziali,  nel rispetto della dignità della persona. quando si tratta di suicidi, anche per evitare il possibile rischio di emulazione. Invece, per fare sensazione, certi mezzi d’informazione riservano  a questi tragici eventi articoli e servizi di particolare risalto e anche fotografie. Tutto questo è intollerabile e credo dovrebbe essere oggetto di provvedimenti da parte dell’Ordine.

Vorremmo, per rispetto, per umana partecipazione, per non offendere la memoria di chi è morto, per non dilatare e ingigantire il dolore di chi resta, poter dire, non ne parliamo più. Ma questo non sarebbe giusto. Informare è un dovere. Vorremmo, invece, come giornalisti e soprattutto come cittadini, poter non parlarne più, per la scomparsa delle cause ricorrenti, e che non ci fossero  quindi più la crisi, i debiti, la perdita del lavoro, la solitudine, l’abbandono…a rendere disperati gli esseri umani.

 

 

Illustro brevemente il numero  on line da oggi:

 

“”Maria”” firma La cleptocrazia come forma di governo.  Periodici, arresti, corruzione sempre più grave, in ogni  grande opera, in ogni settore della vita pubblica, indagati fra politici, nazionali e locali, esponenti dell’alta finanza, persino funzionari e rappresentanti delle Forze dell’ordine…tutto fa pensare  che la forma di governo in Italia sia la cleptocrazia, dato che il furto sembra ormai elevato a sistema.

L’articolo di Massimo Nardi, Al ballottaggio, ma la città rimane rossa, è analisi e commento sul risultato delle urne, Gian Carlo Muzzarelli candidato sindaco del PD con il 63,1%  che vince  il ballottaggio per la poltrona di primo cittadino della città e con  Marco Bortolotti lo sfidante sindaco del M5S, che nella sua rincorsa si ferma al 36,9%. Ma la sorpresa sono i voti.

L’articolo  di Alex Scardina,  Campagna elettorale,  parla con sollievo di quella appena  conclusa, auspicando  che inizi al più presto la prossima, quella del 2015… ma con qualche contenuto politico, finalmente, dato che questa verteva, quasi esclusivamente, sulla demolizione sistematica dell’avversario e l’eterna (nonchè generica)  promessa di incremento del  “” verde””…

 

Il senatore Paolo Danieli  scrive Tangentopoli Mose. Gli episodi di corruzione e malcostume politico avvenuti negli ultimi anni  toccano tutte le forze politiche. Espressione di una società malata, nella quale agli ideali e ai valori sono stati sostituiti gli interessi. Nel palazzo e anche fuori.

 

Rimini Rimini 30 anni dopo, firmato dall’economista Eugenio Benetazzo, parla dell’avvenuto mutamento, irrimediabilmente in peggio, di una delle località turistiche più rinomate e attive del nostro Paese, ora davvero  profondamente diversa e per molti aspetti irriconoscibile.

 

“”Torna Modena Motori”” a cura di MediaMente, illustra la bella iniziativa, giunta alla quindicesima edizione. Il week end del 14 e 15 giugno torna la più importante manifestazione automobilistica italiana “en plein air”. Dopo la mostra mercato “Motor Gallery” e il passaggio della Mille Miglia, ancora un week end tra i motori per le strade della città, con grandi mostre, esposizioni e “La mezza/notte dei bambini al volante”.

 

Le Rubriche di Bice:

Per Il Medico risponde, il Dott. Domenico Amuso nell’articolo Le patologie della pelle,  tratterà delle lesioni cutanee lesioni cutanee croniche che non dimostrano alcuna tendenza alla riparazione spontanea.

Per Opinioni a confronto  Alberto Venturi e Gianni Galeotti firmano Il “”Sistema Italia”” ovvero, la corruzione endemica , sull’ennesimo, gravissimo scandalo relativo al progetto MOSE di Venezia.

 

Auguro a tutti buona settimana e buona lettura del n. 423-83.

 

 

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

DA DOMANI SASSUOLO ACCENDE IL NATALE

Come da tradizione domani, 8 Dicembre Festa dell’Immacolata Concezione, a Sassuolo inizia ufficialmente il periodo di avvicinamento al Natale con l’accensione delle luminarie in tutto

“Misteri e Magie in galleria”

Domenica 11 dicembre ultimo appuntamento con la rassegna di animazioni per bambini Nuova tappa della rassegna dedicata ai bambini che si svolge al Castello di

Dicembre a Fiorano Modenese

Iniziative per grandi e piccoli, mercatini, shopping e due momenti clou: l’inaugurazione del nuovo Centro di Fiorano domenica 11 dicembre e la presentazione del nono