Torrini entra nell’Esecutivo Nazionale UDC

Condividi su i tuoi canali:

None

Nella giornata di ieri il Segretario dell’UDC Lorenzo Cesa ha provveduto alla nomina della nuova Giunta Esecutiva del partito, a seguito del Consiglio Nazionale del 17 u.s.. che aveva ribadito, a larghissima maggioranza, la linea politica del Congresso sostenuta da Cesa, Buttiglione e Casini.

Tra gli altri Cesa ha nominato all’interno dell’Esecutivo Nazionale anche il CapoGruppo dell’UDC in Consiglio Comunale a Modena Davide Torrini, che ha sostenuto da sempre, con convinzione e fermezza, la posizione della dirigenza nazionale del partito.

            A parte alcuni membri dell’ufficio di segreteria, Torrini è l’unico non parlamentare presente nell’esecutivo, e gli saranno affidati, direttamente dal Segretario Cesa, gli incarichi speciali necessari ad affrontare la presente e delicata fase politica e istituzionale che il Paese sta vivendo.

“Ringrazio Lorenzo Cesa per la stima e la fiducia che ha voluto riconoscermi – ha dichiarato Davide Torrini apprendendo direttamente da Casini e Buttiglione la notizia della nomina -, e mi metto da subito a disposizione per poter offrire il mio contributo all’UDC impegnato in queste settimane a sostenere, da un lato, la rapida conclusione della fallimentare esperienza del governo Prodi e, dall’altra, l’urgenza di dare al Paese alcune importanti riforme, in primis quella elettorale, che gli consentano di riprendere il passo con l’Europa”.

            Torrini ha ribadito come solo una nuova legge elettorale proporzionale con sbarramento e preferenze possa garantire al Paese governabilità, rappresentatività e riconciliare il popolo con il “palazzo”, auspicando anche lungimiranza e coraggio su scelte, come ad esempio su energia, ambiente e lavoro, capaci di guidare, e non subire, i processi e i cambiamenti che attraversano oggi l’Italia.

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria