Torna ‘Andam a vegg’: chi ha lavorato in fornace?

Condividi su i tuoi canali:

None

Torna ‘Andam a vegg’: chi ha lavorato in fornace?

Lunedì 29 gennaio al Teatro Astoria

 

E così diventano nove. Nato come esperimento all’inizio del 2017, ‘Andam a vegg’ si è imposto come format, diventando un appuntamento mensile gradito ai Fioranesi. Lunedì 29 gennaio 2018, alle ore 20.30, presso il Teatro Astoria, con ingresso gratuito, l’Associazione Fiere e Concerti Leongatto, con il patrocinio del Comune di Fiorano Modenese, presenta un ‘Andam a vegg’ sul tema ‘As lavurèva dabòun’, condotto da Luigi Giuliani, con la partecipazione straordinaria del complesso Wem Vintage con i musicisti Giancarlo Roncaglia, Igino Stefani, Olek Tassinari e Gigi Cervi; Gino ‘Ginone’ Andreoli degli 8mani e degli Angels Prut, con i quali ha conquistato la finale di Italia’s Got Talent. La compagnia teatrale ‘Lacqua in la cavagna’ presenta la scentta ‘Globaliz-zaione’; Giuliana Cuoghi conduce Radio Stalla, saranno tramessi filmati inediti del passato e fotografie del mondo del lavoro riguardanti il territorio comunale di Fiorano. Al termine, il ristorante La Castellana del Castello di Spezzano, offrirà frappe e vino.

Un momento della serata sarà dedicato al lavoro in fornace; chi vi ha faticato in una delle aziende del territorio, è invitato a partecipare alla serata di Andam a Vegg e di sedersi in prima fila perché si vorrebbe ascoltare una loro testimonianza.

Chi ha foto o vorrebbe dichiarare la propria disponibilità e desidera contribuire con il proprio ricordo, può farlo rivolgendosi all’Ufficio Stampa del Comune (stampa@fiorano.it, 328.64.03.477) o partecipando direttamente alla serata all’Astoria.

 

Fiorano Modenese 23 gennaio 2018

 


 

01 29 andam a vegg.jpg (168 Kb)
 

Download

KLF_2859.jpg (1207 Kb)
 

Download

 
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Leva obbligatoria

La politica italiana gioca ai soldatini senza nemmeno sapere le regole del gioco. La politica italiana conferma la sua impreparazione sui temi militari e questa