Terza finale del Festival della Comicità Italiana

Condividi su i tuoi canali:

Sabato 13 Aprile al Teatro Fabbri di Vignola è andata in scena la terza finale del Festival della Comicità Italiana. I tre Campioni che si sono qualificati per la Finalissima del 9 Maggio al Teatro Storchi di Modena sono:

Virginio, con la sua comicità surreale che ha stregato il pubblico, ovazioni per lui; il Duo Torri che ha proposto un numero di Comicità popolare davvero irresistibile e Madame Vraimage, la vera rivelazione della serata che ha presentato un monologo sui maschi destando molta attenzione da parte della giuria. 

Al quarto posto si è classificato Nicola Calia nei panni del supereroe improbabile. 

Ma il miglior quarto delle tre serate che si classifica anche egli per la Finalissima del Teatro Storchi è Massimiliano Cimino, imitatore napoletano che si era esibito a Castelfranco Emilia e che conquista il posto allo Storchi. 

Saranno quindi 10 i Fnalisti del Festival della Comicità Italiana 2024.

Tantissimi applausi e risate anche per gli ospiti della serata di Vignola, a partire da Gian Piero Sterpi e Alessia De Pasquale, davvero bravissimi, il Duo Bea e Scossa che ha conquistato il pubblico grazie alla presenza di Bea, una bambina straordinaria di 9 anni, la comicità stravagante di Sante Biagetti nei panni di Loredana Bertè e infine Giulia Sancassiani, la cantautrice che sta sempre più conquistando i favori del pubblico e della critica, che ha proposto uno struggente omaggio a Toto Cutugno rivisitando la canzone “Gli amori”.

Appuntamento quindi alla Finalissima del Teatro Storchi di Modena Giovedì 9 Maggio alle ore 21.

I biglietti sono già in vendita su Vivaticket o chiamando il numero 3337984821

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria