Terremoto : “”La calamità naturale sarà a carico del cittadino.

Condividi su i tuoi canali:

None

Unindustria risponde: “Lo Stato abbandona le aziende”

 

E’ entrato in vigore da appena 3 giorni (17 maggio 2012) il Decreto Legge n. 59 del 15 Maggio 2012 “”Disposizioni urgenti per il riordino della Protezione Civile””, che prevede che d’ora in poi “”la calamità naturale sarà a carico del cittadino. In caso di terremoto, alluvione, tsunami e qualsivoglia altra catastrofe, non sarà più lo Stato a pagare i danni. A ricostruire l’edificio crollato o pieno di crepe, casa o azienda che sia, dovrà provvedere il proprietario. A sue spese. O stipulando, previdente, una relativa polizza di assicurazione;.

Coincidenza o sfortuna? ; si chiede  Luca Davoli, amministratore di Unindustria Servizi – Proprio oggi la provincia modenese sta vivendo un momento doloroso: basta guardarsi attorno per rendersi conto dei numerosi danni che il terremoto ha fatto in una sola giornata;.

La scossa ha colpito qualsiasi cosa: case, chiese, monumenti e aziende. Pensiamo a quanti capannoni hanno tetti crollati, muri squarciati da vistose crepe, macchinari e materiali danneggiati o irrimediabilmente compromessi. Questo disastro di traduce per le aziende in perdite finanziarie, che rischiano di metterle più in ginocchio di quanto già non siano;.

A nome di Unindustria e in rappresentanza delle imprese modenesi Luca Davoli si lamenta ;di questo abbandono da parte dello Stato; e chiede ;un pronto intervento a sostegno di aziende già in grande crisi;.

 

Ufficio stampa

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

ELEZIONI: UN INCONTRO PER LE LISTE

L’ufficio elettorale del Comune di Sassuolo organizza un incontro con le forze politiche che intendono presentare una lista di candidati alle prossime consultazioni elettorali comunali.