Terremoto- Adotta un alunno

Condividi su i tuoi canali:

Bice dedica questo spazio alle iniziative in favore dei cittadini che, dal 20.5.2012, stanno vivendo ore drammatiche e di grande disagio per il sisma

  

Con questo numero, Bice sospende la rubrica dedicata a all’Emergenza terremoto. Non perché essa sia cessata, purtroppo tempi difficili e lunghi attendono le popolazioni dell’Emilia,  soprattutto, per la  ricostruzione ed il ritorno ad una parvenza di normalità. Ma, questa è almeno la speranza, la macchina dovrebbe ormai essersi messa in moto, sia per quanto riguarda  le esigenze primarie, sia per quanto riguarda la gestione degli aiuti, con la ottimale organizzazione e divisione delle risorse materiali e umane.

Resta naturalmente sempre aperta l’Agorà di Bice, per qualsiasi comunicato, richiesta, segnalazione e anche, perché no, per ogni  protesta e sfogo, di singoli cittadini, di gruppi, di istituzioni.

Ringrazio tutte le persone che hanno fornito in questi mesi notizie in merito, sono state davvero preziose.  Segnalo, invece, con un certo rammarico, l’inspiegabile e noncurante silenzio di gruppi  organizzati che, nonostante i ripetuti inviti, non hanno mai dato la minima collaborazione.

Da questo numero, e in sostituzione ancora della “Preda Ringadora”  Bice si riserva di pubblicare, e adeguatamente pubblicizzare, tutte le iniziative atte a risolvere le problematiche non solo materiali, ma più in senso lato, venutesi a creare dopo il sisma. Per primo, segnalo il Gruppo Adotta un alunno.

(Prenditi a cuore la nostra scuola di Finale Emilia….)

Il suo motto è  straordinario, semplice e condivisibile:

“Adotta un alunno, dona il materiale scolastico completo ad ogni bambino!!! Sono i figli di tutti, il nostro futuro”

Inserisco qui  i dati utili:

Comitato Scuola Castelfranchi via c.so Camillo Benso di Cavour, n. 26

codice iban

IT75Q0200866750000102121455

Quello che non riesco ad inserire è la sorridente voglia di fare, l’entusiasmo, che anima questo gruppo, né la gratitudine, anche verso il più piccolo contributo. Sono sentimenti grandissimi e non ci starebbero in questa pagina J

 

Grazie a tutti.

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati