Telecamere, Carpentieri “Ben 219 per la sicurezza dei modenesi”

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

 

Nota del responsabile Sicurezza nella Segreteria cittadina del Pd Antonio Carpentieri

 

 

Il responsabile Sicurezza nella Segreteria cittadina del Pd modenese Antonio Carpentieri fa il punto sulle telecamere installate in città e chiede a Salvini di fare la propria parte, a partire dagli organici promessi. Ecco la sua dichiarazione:

“Ancora una volta la Lega e il centrodestra cercano di fomentare le paure dei cittadini per un puro tornaconto elettorale, ma i fatti li smentiscono. In quasi cinque anni di legislatura, l’Amministrazione Muzzarelli si è impegnata a fondo per rafforzare la sicurezza dei cittadini. I numeri lo dimostrano: nel 2014 le telecamere installate erano 130, nel 2019 sono diventate 200 a cui si aggiungono 19 apparecchiature speciali in grado di leggere le targhe. Consistenti anche le risorse investite: dai 147mila euro del 2014 si è passati a 460mila euro nel 2016 e 456mila euro nel 2017, gli anni in cui l’Amministrazione si è fatta carico di portare nelle frazioni la fibra ottica dedicata necessaria a far funzionare le telecamere, assai utili anche per il controllo e le indagini delle forze dell’ordine. Questo è quanto stato fatto, ben diverso da quello che il ministro Salvini ha continuato a promettere in questi mesi, a dare per già realizzato, ma mai veramente fatto. In primis, l’organico delle forze di polizia. Il nostro appello è rimasto inascoltato, in questi mesi sono arrivati soltanto agenti in sostituzione di trasferimenti e pensionamenti, non è stato mandato un solo uomo in più a disposizione delle strutture modenesi. I nostri concittadini chiedono una presenza più capillare delle forze dell’ordine. Ora il ministro dell’Interno si impegni a rafforzare davvero gli organici e potenziare i mezzi e gli strumenti a disposizione del personale in modo da garantire l’attività investigativa e di contrasto ai reati predatori. La Lega modenese smetta di gridare “Al lupo, al lupo!” e si faccia sentire con il suo ministro!”.

 

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...