Teatro, la nuova Stagione dell’Auditorium Rita Levi Montalcini di Mirandola

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Undici spettacoli tra prosa, danza contemporanea, musica e circo. Titoli classici rivisitati come Il Giardino dei Ciliegi di Anton Cechov secondo la Compagnia Kepler-452 e Il Misantropo di Molière di e con Valter Malosti, e poi Si nota all’imbrunire di Lucia Calamaro con Silvio Orlando, Coppia aperta quasi spalancata di Fo e Rame con Chiara Francini e Alessandro Federico, Arizona  del drammaturgo spagnolo Juan Carlos Rubio con Fabrizio Falco –anche regista – e Laura Marinoni, Eutropia della Compagnia di danza Fattoria Vittadini. Largo al circo acrobatico con gli straordinari artisti di The Black Blues Brothers. E poi Giuliana Musso, uno spettacolo su Domenico Modugno con Gianfranco Berardi, il ‘dis-concerto’ PaGAGnini, uno spettacolo ispirato a Filumena Marturano di Eduardo

Frutto di un grande e rinnovato impegno nel proporre un cartellone vario e interessante che coniughi alta qualità ed intrattenimento, si rinnova anche per la Stagione Teatrale 2019-2020 dell’Auditorium Rita Levi Montalcini la collaborazione tra Amministrazione comunale di Mirandola e ATER – Associazione Teatrale Emilia Romagna, Circuito Regionale Multidisciplinare.

Undici gli appuntamenti – da novembre 2019 ad aprile 2020 tutti con inizio alle ore 21.00 – di cui otto spettacoli di prosa, uno di circo acrobatico musicale, uno spettacolo di danza contemporanea e un concerto che unisce musica classica e musica pop. Il 30 settembre prossimo al via la campagna Abbonamenti.

 

La Stagione avrà inizio martedì 12 novembre: l’instant classic scritto nel 1983 da Dario Fo e Franca Rame Coppia aperta quasi spalancata ritorna con la regia di Alessandro Tedeschi e l’interpretazione di Chiara Francini Alessandro FedericoUna classica commedia all’italiana che racconta la tragicomica storia di una coppia di coniugi, figli del Sessantotto e del mutamento della coscienza civile del Bel Paese. Antonia è sposata da tempo con un uomo che non la ama più. È costretta ad accettare continuamente relazioni extraconiugali da parte del marito, un fautore della “”coppia aperta””. Inizialmente, la donna prova tristezza, arrivando ad ipotizzare il suo suicidio; poi si rende conto di essere ancora giovane e dunque pronta per iniziare una nuova vita. Proprio quando ha strada libera, il marito comincia ad essere geloso e impedirle di continuare una storia con un fisico, candidato Premio Nobel.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gettare il sasso e nascondere la mano…

È un copione assai noto: c’è chi lancia pubblicamente un metaforico sasso, offendendo, insinuando, accusando… in modo voluto e inequivocabile, qualcuno e poi, vigliaccamente, nega

Appunti sulle Amministrative

ASTENSIONISMO All’appello dei votanti manca la metà degli aventi diritto… e stiamo parlando di votare per la propria città, non solo per la lontana Europa.