Teatro in viaggio Babele incontra

Condividi su i tuoi canali:

None

 

 

Mercoledì 2 maggio, al teatro Primavera di Fiorano Modenese, si è tenuto lo spettacolo “Teatro in viaggio”, a cura della compagnia teatrale Cantieri Meticci di Bologna.

Prima dello spettacolo, i ragazzi della redazione del giornalino Inchiostro del Gruppo Babele, l’esperienza educativa che unisce Parrocchia e Amministrazione Comunale per accompagnare la crescita dei ragazzi delle scuola secondaria di primo grado, hanno incontrato una classe di undici studenti di italiano della comunità Ceis.

Erano in undici, tra i 19 e i 26 anni, provenienti soprattutto da paesi dell’Africa subsahariana e richiedenti asilo politico, accompagnati da un’insegnante e un educatore.

È stata una bella occasione per confrontarsi, nonostante alcune difficoltà legate alla lingua: i ragazzi stranieri hanno raccontato ai giovani giornalisti come erano spaventati quando sono arrivati in Italia, come si sono sentiti accolti e quanto importante sia stato per loro riuscire ad avere i documenti necessari per restare; hanno sottolineato di essere rimasti sorpresi nel vedere persone di religioni diverse vivere bene insieme.

 loro volta i ragazzi di Babele hanno poi raccontato la loro giornata tipo e cosa fanno nel tempo libero. Partendo da racconti di vita molto diversi sono poi arrivati a scoprire passioni comuni, quali l’amore per il calcio e per la pasta e la pizza. L’incontro si è concluso giocando tutti insieme a bigliardino e a ping pong, tra le risate generali, perché essere diversi è bello e arricchente e forse non si è neppure così tantodiversi.

In seguito i gruppi hanno assistito allo spettacolo a cui erano presenti il parroco, l’ass. Morena Silingardi, i volontari del Centro d’ascolto Caritas, i rappresentanti di: scuola media di Fiorano, CEFA, associazione Donne immigrate, Vorcam, e alcune famiglie. Dopo aver molto apprezzato le narrazioni dell’attore Pietro Floridia, la serata si è conclusa con un momento di convivialità e l’invito a trovarsi ad un prossimo laboratorio a Bologna.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo