Switch off – i vecchi tv sono rifiuti inquinanti

Condividi su i tuoi canali:

None

Vanno all’isola ecologica o consegnati al venditore

 

In vista dello “switch off”, il passaggio della tv dall’analogico al  digitale che scatterà per Modena e provincia da sabato 27 novembre, tanti cittadini hanno deciso di acquistare un televisore di nuova generazione rinunciando al vecchio apparecchio. Ecco i consigli e le indicazioni della Provincia per uno smaltimento corretto di questi televisori che sono a tutti gli effetti rifiuti inquinanti.

Come sottolineano i tecnici dell’assessorato provinciale Ambiente, questo significa che i vecchi tv devono essere smaltiti in modo differenziato consegnandoli a una delle 62 isole ecologiche presenti sul territorio modenese, tutte adatte a raccogliere le diverse tipologie di rifiuti elettrici ed elettronici, fra cui appunto i televisori.

I cittadini potranno inoltre usufruire delle opportunità introdotte nel giugno 2010 con la normativa sullo smaltimento di questa tipologia di rifiuti che prevede la possibilità di consegnare al distributore il televisore usato al momento dell’acquisto di un nuovo apparecchio. La consegna è gratuita a condizione che l’apparecchio consegnato sia di tipo equivalente e abbia svolto le stesse funzioni della nuova apparecchiatura acquistata. I negozianti hanno l’obbligo di ritirare l’usato.

Il trasporto e l’avvio a impianti di recupero dei rifiuti elettrici ed elettronici, i cosiddetti Raee, è gestito secondo le modalità stabilite dalla normativa specifica (decreto legislativo 151 del 2005 e relativi decreti attuativi), che, attraverso organismi istituiti a livello nazionale quali il Centro di coordinamento e i Sistemi collettivi, garantisce la corretta gestione di tali rifiuti; il trattamento, la messa in sicurezza di eventuali sostanze pericolose e il recupero dei Raee avviene presso impianti specializzati quali, ad esempio, l’impianto Tred Carpi presente sul territorio modenese.

Per tutte le informazioni sul passaggio al digitale il ministero ha messo a disposizione il numero verde 800022000 (dal lunedì al sabato dalle 8 alle 20) e il sito internet http://decoder.comunicazioni.it.

Materiale informativo è disponibile anche negli Urp, gli Uffici relazioni con il pubblico, della Provincia e dei Comuni. La Regione Emilia Romagna, in collaborazione con Lepida spa, infatti, ha creato una “”task force regionale”” (www.decoder.regionedigitale.net) per coordinare la comunicazione a livello locale e monitorare eventuali criticità tecniche e organizzative.

 

CS

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo