Studi sul boro alle Salse di Nirano

Condividi su i tuoi canali:

Per valutare quanto l’elemento prodotto dai vulcani di fango incida sull’arricchimento delle falde acquifere del territorio.

Il Comune di Fiorano Modenese ha stipulato un nuovo accordo di collaborazione  con l’Università di Bologna, Dipartimento di scienze biologiche, geologiche e ambientali, per indagare la caratterizzazione idrogeologica e idrogeochimica del boro presente nelle acque sotterranee della Riserva.

Questo elemento presente nei fluidi dispersi dalle emissioni delle Salse di Nirano è altresì utilizzato diffusamente nei processi industriali delle attività ceramiche, pertanto il Comune di Fiorano Modenese ha deciso di promuovere un’attività di ricerca rispetto alla natura e all’origine del boro presente negli acquiferi del territorio.

Il boro presente nelle acque sotterranee può rappresentare un problema di qualità ambientale, gli studi dell’Università di Bologna aiuteranno a capire quanto incida più o meno significativamente il complesso geologico dei vulcani di fango di Nirano nell’arricchimento di boro dell’acquifero locale. Inoltre identificando e caratterizzando alcune possibili sorgenti e valutando la distribuzione spaziale delle caratteristiche idrochimiche, con particolare rilievo alla caratterizzazione isotopica (11B), delle acque del territorio, questi studi possono rappresentare una chiave per identificare la sorgente di eventuali anomalie osservabili nel territorio fioranese.

Il programma di ricerca avrà la durata di 12 mesi, con un costo complessivo stimato in 4.500,00 euro per spese di acquisizione materiali e reagenti, strumentazioni, attivazione di collaborazioni esterne, nonché a titolo di rimborso spese.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Libri di Storia fatti di pietra

Servizio fotografico di Corrado Corradi ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^Nella giornata di sabato 1° ottobre 2022, in strada Canaletto Sud, angolo via Finzi, c’è stata la cerimonia di inaugurazione