Strade per la montagna dissestate

Condividi su i tuoi canali:

None

La situazione delle frane nel nostro Appennino mettono ancora più in difficoltà una economia già provata dalla crisi.

Quando si parla di infrastrutture molti pensano all’avvio del cantiere della Cispadana o alla bretella Modena Sassuolo, ma oggi ritengo necessario segnalare il disastro dei movimenti franosi che interessano la strada che porta da Saltino a Palagano. Tra buche, sensi unici alternati con semafori installati già da anni mentre si compie faticosamente un tragitto con tante deviazioni, si prova un senso profondo di abbandono e disinteressamento da parte delle istituzioni. Non è messa meglio la strada per Polinago o per Pavullo. Raggiungere luoghi di lavoro, ospedali è sempre più complicato. Approvvigionarsi di merci destinate ai negozi è complicato e costoso in termini di tempo e di denaro. Ma le tasse le persone le pagano fino all’ultimo centesimo.

Un inverno povero di precipitazioni avrebbe potuto essere di aiuto per aggiustare e mettere in sicurezza la strada. Sono bastate due perturbazioni per rimettere in moto frane e dissesti idrogeologici nel territorio della nostra provincia.

 

SEGRETARIO GENERALE CST UIL MODENA E REGGIO EMILIA

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo