strade di montagna, proseguono le manutenzioni partiti i lavori SULLA NUOVA PEDEMONTANA a vignola

Condividi su i tuoi canali:

None

 

 

Sono partiti i lavori di manutenzione della strada provinciale 569 Nuova Pedemontana nel tratto compreso tra il confine bolognese e i territori di Savignano sul Panaro, Vignola e Spilamberto, nell’ambito del programma di interventi stradali lungo la rete provinciale della fascia collinare e montana per un investimento di due milioni euro.

Il cantiere mobile opera da lunedì 22 giugno su alcuni tratti degradati della Nuova Pedemontana e proseguirà per tutta la settimana, per poi spostarsi, sempre nella zona di Frassinoro, sulla provinciale 16 a Spilamberto, dove i lavori verranno svolti in orario notturno per non arrecare disagio alla circolazione stradale. Successivamente sarà interessata la provinciale 623 del  Passo Brasa, tra Vignola, Guiglia e Zocca e la provinciale 34 a Maserno. Inoltre, partiranno analoghi interventi praticamente su tutte le altre strade provinciali dell’Appennino modenese, nelle zona di collina e in pianura.

L’impresa aggiudicataria è il consorzio Innova Soc. Coop di Bologna, mentre la ditta esecutrice dei lavori è il Frantoio Fondovalle di Montese.

I lavori prevedono la fresatura della pavimentazione e il rifacimento del manto stradale, mediante l’impiego di conglomerato bituminoso e in alcuni tratti la sistemazione delle barriere guard rail.

l programma delle manutenzioni stradali lungo la rete provinciale prevede un investimento complessivo, da parte della Provincia, di oltre tre milioni e 400 mila euro e proseguirà durante tutti i mesi estivi.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati