“”STOP ALL’AMPLIAMENTO DELLA DISCARICA DI FINALE: FORZA ITALIA STA COI CITTADINI””

Condividi su i tuoi canali:

None

 

“”Ho voluto essere oggi a Finale accanto ai cittadini e all’osservatorio civico ‘Ora Tocca a noi’ per ribadire con decisione il No di Forza Italia all’ampliamento della discarica di Finale Emilia””. Così il capogruppo di Forza Italia in Regione Andrea Galli, presente questa mattina a Finale per la sfilata dei 150 trattori contro l’allargamento della locale discarica. “”In regione pochi giorni fa ho presentato una interrogazione per chiedere che venga sospeso il procedimento e oggi con la mia presenza voglio confermare questa presa di posizione – continua Galli -. Con 25mila tonnellate di rifiuti urbani e 125mila tonnellate di rifiuti speciali che si prevedono di stoccare, la società Feronia, partecipata per il 70% da Hera e per il 30% da Sorgea, vorrebbe trasformare Finale in un polo regionale dell’immondizia. Qui non si vogliono tutelare gli interessi dei cittadini e delle aziende del territorio, ma solo gli interessi della multiutility Hera con conseguenze negative sull’inquinamento dell’aria, per l’aumento di traffico pesante in zona, e delle falde acquifere. I cittadini di Finale Emilia lo hanno capito benissimo. La Conferenza dei Servizi convocata per il 30 gennaio a Modena dovrà ascoltare il grido di questa terra che, con orgoglio, in questi anni ha reagito e si è rialzata dopo la tragedia del terremoto””.

 


 

9aa17c8a-57e2-4299-9690-f… (137 Kb)
 

Download

7e29a2de-4f09-436a-a68f-0… (147 Kb)
 

Download

a951958d-7c12-4d7b-af04-b… (154 Kb)
 

Download

 
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo