Stelle cadenti

Condividi su i tuoi canali:

La “rivoluzione” intestina al Pdl e alla destra nazionale in genere si sta evolvendo ogni giorno che passa con colpi di scena degni del migliore scrittore di gialli e best seller.art. di C.V.

La “rivoluzione” intestina al Pdl e alla destra nazionale in genere si sta evolvendo ogni giorno che passa con colpi di scena degni del migliore scrittore di gialli e best seller.

Nel frattempo continuo a dare una visione da “profana” di altri soggetti politici presenti sia in campo nazionale che sul territorio modenese.

Credo doveroso far presente che – come più volte ribadito – non facendo parte di alcun partito o movimento le mie considerazioni possono essere oggetto di precisazioni da parte di chi conosce meglio l’argomento.

Movimento 5 stelle di Beppe Grillo

Il movimento è la creatura del comico ligure, che, dimessi i panni di umorista televisivo e teatrale a sfondo satirico e politico, si è buttato egli stesso in politica (*) nel gennaio 2005 con l’inaugurazione del sito/blog a suo nome, co-gestito con Gianroberto Casaleggio (**).

Da vero “animale da palcoscenico” ha predisposto questo blog aperto ai commenti per il confronto diretto e dal 2009 è stato presentato il Movimento 5 stelle, dedito a lotte di tipo ambientale ed ecologista. Il tutto dopo essere passato attraverso liste civiche e candidature nel PD.

Trovo opportuno rimandare i lettori al programma del Movimento, mettendo nelle note il link e, soprattutto, la citazione che accompagna il tutto (***). Sarà cura di ogni lettore trovare punti di interesse concreto e altri di pura follia onirica.

Il “non-statuto” è un’altra “genialata”  fuori dal solito coro degli statuti c.d. normali del comico/politico/arringatore.

A Modena (****) il movimento è rappresentato da …(non ho capito da chi visto che ha tanti portavoce).

Dopo la dipartita di Vittorio Ballestrazzi e di Sandra Poppi (entrambi continuano a lavorare in modo autonomo su temi importanti come la salute, l’istruzione e la partecipazione, il Movimento di Modena si sta omologando al comportamento del suo “creatore” nazionale.

Insomma è facile leggere nel meet-up (luogo deputato ai dibattiti) non tanto discussioni e confronti costruttivi, ma veri e propri attacchi polemici che somigliano moltissimo alle kermesse a cui i nostri politici nazionali ci hanno abituati.

Ad ogni buon conto in questo momento, oltre a seguire il programma nazionale sul territorio locale, il Movimento 5 stelle modenese sta anche raccogliendo firme per presentare i candidati alle prossime elezioni.

Credo che molti partecipanti a questo organismo siano realmente mossi dalle migliori intenzioni, penso che siano veramente convinti di poter cambiare questo sistema corrotto e che mal governa in modo imperante.

Però, bisogna anche riuscire a guardare Beppe Grillo per quello che è: un uomo che più o meno consapevolmente, si sta comportando in modo incoerente con quanto proclama e si dimostra assai poco democratico e chiuso alle critiche costruttive. Anzi, aggiungo che lo trovo molto permaloso a chi lo critica sia a ragione che a torto, e lo fa in maniera così plateale da far credere che il tutto sia strutturato per amplificare e dar voce alla sua figura.

Insomma, come Oscar Wilde scrisse “bene o male, purchè se ne parli”, (*****) lo scopo viene raggiunto a mezzo colpi di scena abilmente costruiti, interpretazioni di livello agonistico ad effetto come la traversata dello Stretto di Messina e a lotte intestine con i dissidenti. Il tutto condito da un linguaggio ciacarone, grezzo e sboccato (******), assolutamente inutile ad esprimere concetti costruttivi, ma che serve solo a “condire discorsi di autore, come la bava di lumaca”. La pacatezza e la sicurezza non appartiene certo al comico che, con la sua esuberanza, infarcisce tutto in modo iperattivo e colorito solo per dare spessore a qualcosa che non è.

La politica del nuovo millennio è rappresentata da Grillo? Allora io non ho grilli per la testa, non mi piace il suo modo di interloquire con il pubblico, di fare politica fuori dal coro a parole e parolacce, che si dimostra identica se non peggiorativa dei partiti che denigra e critica aspramente.

Peccato perché in parte ha idee condivisibili, tutto il resto lo rende inavvicinabile.

 

C.V.

 (Riproduzione riservata)

____________ 

(*)  http://it.wikipedia.org/wiki/Beppe_Grillo

http://www.beppegrillo.it/2005/01/il_muro_del_pia/index.html

(**)   http://it.wikipedia.org/wiki/Gianroberto_Casaleggio

(***)Il MoVimento 5 Stelle è una libera associazione di cittadini. Non è un partito politico nè si intende che lo diventi in futuro. Non ideologie di sinistra o di destra, ma idee. Vuole realizzare un efficiente ed efficace scambio di opinioni e confronto democratico al di fuori di legami associativi e partitici e senza la mediazione di organismi direttivi o rappresentativi, riconoscendo alla totalità dei cittadini il ruolo di governo ed indirizzo normalmente attribuito a pochi.

http://www.beppegrillo.it/movimento/programma/

(****) http://modena5stelle.it/

http://modena5stelle.it/attivati/

(*****)There is only one thing in the world worse than being talked about, and that is not being talked about – The Picture of Dorian Gray

(******) http://www.ilsalvagente.it/Sezione.jsp?titolo=Parlamentarie%2C+Grillo+contro+i+dissidenti%3A+”Fuori+dai+coglioni”&idSezione=18936

Sebbene sia giusto dire a chi non è più dello stesso parere con il fondatore Grillo di andare per altre vie, c’è modo e modo. Soprattutto quando la sostanza in ballo è tanta e la sostanza di nome fa Democrazia con la lettera maiuscola tanto decantata ma sovente bistrattata.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo