Stagione di Balletto-Danza Primavera

Condividi su i tuoi canali:

None

 

STAGIONE DI BALLETTO – DANZA PRIMAVERA

COMPAGNIE NACERA BELAZA IN

 

Teatro delle Passioni di Modena

Sabato 27 febbraio ore 21 – Domenica 28 febbraio ore 17

Lunedì 1 marzo ore 21

 

Prima italiana

 

Danza Primavera inaugura con Le Cri della coreografa Nacera Belaza, in programma al Teatro delle Passioni di Modena sabato 27 febbraio alle ore 21, domenica 28 febbraio alle ore 17 e lunedì 1 marzo alle ore 21. Lo spettacolo, in scena grazie alla collaborazione della Fondazione Teatro Comunale di Modena e ERT Emilia Romagna Teatro, è già stato presentato con successo nel 2009 a Gerusalemme, Zurigo, Berlino, Il Cairo, al festival di Avignone e lo scorso settembre al Danspace Project di New York. A Modena debutta in prima italiana.

 

Algerina di nascita, Nacera Belaza vive in Francia dall’età di cinque anni, è autodidatta e ha trovato da sola la strada che coniuga la sua fede con il movimento. La sua solitudine creativa e spirituale, insieme al silenzio e ascolto del corpo, è la cifra distintiva dei suoi lavori, percepibile anche dallo spettatore come un incanto da non spezzare. “Coreografa rivelazione” del 2008 per la critica francese, apre la sua fede al rapporto col mondo e con la vita, lavora sul corpo per non trasformarlo in oggetto, lo indaga per scoprirne i recessi e preservarlo da ogni ammiccamento o seduzione. Nacera Belaza compie attraverso la danza un’esplorazione dell’essere umano e il divieto, l’haram, che caratterizza fortemente la sua religione e la sua cultura, ha in qualche modo accompagnato la ricerca conducendo a domande più profonde.

 

Le cri è uno spettacolo minimalista ed espressivo che sarà interpretato dalla stessa coreografa insieme a sua sorella Dalila Belaza. Nella coreografia convivono magicamente l’ascesi e il piacere, lo spiritualismo e una discreta forma di sensualità, lungo il dipanarsi di un grido interiore di libertà. Il balletto prende le mosse dal corpo femminile inerte che si anima gradualmente trasportato dai salmi di Larbi Bestam e dalle incantevoli voci di Maria Callas e Amy Winehouse.

 

La coreografa cerca da sempre con la sua compagnia nuovi modi per conciliare la fede con l’arte del movimento, scavando pazientemente il proprio cammino nell’universo della danza contemporanea. Un percorso iniziato oltre quindici anni fa con A ciascuno la sua chimera e che trova in Le cri un punto d’arrivo, la tappa importante di un viaggio interiore che si fa manifesto grazie all’arte del movimento, una ricerca spirituale che si compie col corpo.

 

Scrive Nacera Belaza “un vuoto inatteso che cambia tutte le nostre aspettative (…) ecco che cosa ho perseguito attraverso tutti miei lavori, scolpire questo vuoto, dargli un corpo e renderlo palpabile, condividerlo con gli altri e infine lasciarlo disperdersi nello spazio infinito dei nostri corpi”.

 

Prima italiana

COMPAGNIE NACERA BELAZA

Le Cri

Coreografia   Nacera Belaza

Interpreti Dalila Belaza, Nacera Belaza

Luci Éric Soyer

Regia luci Christophe Renaud

Video e colonna sonora Nacera Belaza

Canto Larbi Bestam

Immagini Corinne Dardé

Montaggio suono Nicolas Perrin

 

Premio “Rivelazione Coreografia 2008” del comitato francese Critici di Teatro, Musica e Danza.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati