Speciale Sassuolo

Condividi su i tuoi canali:

Sassuolo non riceve i contributi per la polizia locale dalla regione: così commenta il capogruppo consigliare della Lega Nord Padania

Una recente delibera di giunta regionale, la1206/06, ha negato a Sassuolo l’assegnazione dei “contributi ad enti locali e loro associazioni per la realizzazione di progetti volti alla qualificazione del servizio di polizia locale con priorità per quelli nei quali è costituito un corpo di polizia locale”. Detta delibera fa riferimento alla legge regionale 24/03 ed a una delibera regionale del 04/09/06 nella quale si sono determinati i criteri e le modalità per l’anno 2006 per la concessione dei contributi. Sassuolo ha presentato un progetto di risanamento che è stato bocciato con la seguente motivazione: il progetto non è volto alla qualificazione del servizio di polizia locale”. In parole povere si può paragonare all’assegnazione di un tema a Pierino sull’inverno e lui lo sviluppa sull’estate. A far parte dei grandi bocciati c’era solo un altro comune della regione, gli altri, circa un centinaio, tutti promossi, chi a pieni voti e chi con la sufficienza. Si nota chiaramente l’incapacità degli amministratori/dirigenti di Sassuolo a centrare anche i più semplici progetti. Dirigenti pagati a peso d’oro che percepiscono compensi faraonici fuori da ogni logica di mercato in rapporto agli obbiettivi raggiunti. Si va dai 100 ai 200 mila euro con una serie di benefit ,telefono,auto,ristoranti, ecc… che aumentano ulteriormente le spese per il loro compenso.

E’ stato tirato di nuovo in ballo il vecchio “Progetto Braida” che è fallito ancora prima di nascere. Si vuol raccontare una triste novela che ormai non incanta più nessuno. Si vuol far credere che la situazione sicurezza è migliorata, però non sembra essere vero. Dove sono i risultati dei sondaggi che il comune ha dato ad una ditta esterna prima di Natale? Non sono stati resi pubblici perché forse il risultato era deludente? E il costo di 5280 euro perché non è stato comunicato alla stampa? Non bastano le parole per aumentare nei cittadini il livello di percezione della sicurezza,ci vogliono fatti! Si è nominata una commissione sicurezza che dopo una timida apparizione del presidente a luglio scorso in una commissione, non si hanno più avute notizie del lavoro svolto. Come si può pretendere di raggiungere obiettivi affidandosi a personaggi che non sono costantemente presenti sul territorio? Si dicono le stesse cose do molto tempo che anche i sassi del Secchia ormai conoscono, ma si arriva a poco di concreto. I malavitosi che operano sul territorio hanno solo cambiato le tecniche/modi per delinquere, lo dimostra la decina di arresti della settimana scorsa. Servono, a mio avviso, azioni più incisive e costanti in modo da non dare tregua alla malavita organizzata. Quando Il sindaco Graziano Patuzzi della Margherita e i suoi amministratori se ne renderanno conto sarà troppo tardi e intanto saranno i cittadini a pagarla cara, vedi Napoli, Torino, Padova, ed altre città.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Leva obbligatoria

La politica italiana gioca ai soldatini senza nemmeno sapere le regole del gioco. La politica italiana conferma la sua impreparazione sui temi militari e questa