Speciale Maggio Fioranese 2008

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
Notizie: Incontro con i comuni gemellati : domenica 25 maggio; Concerto corale in Santuario.Programma dal 28 maggio a lunedì 2 giugno

Nell’ambito delle iniziative del Maggio Fioranese, si è svolto ieri l’altro e ieri l’incontro con i comuni gemellati di Nardò (Puglia), Onda (Spagna), Ozieri (Sardegna) e S. Donato di Ninea (Calabria).

Nel consiglio comunale svoltosi, domenica 25 maggio, per il saluto ufficiale alle delegazioni, è stato approvato alla unanimità, un documento di condanna del grave gesto criminoso che nelle scorse settimane ha ridotto in cenere 26 autobus delle società “Trasporti Nord Calabria” e “La Valle” a San Donato di Ninea, causando danni per milioni di euro.

Il Consiglio Comunale ha condannato il gesto che vuole intimidire l’imprenditoria sana che genera sviluppo, ha espresso vicinanza e solidarietà ai lavoratori e alle famiglie, ha chiesto al Sindaco di fare pervenire l’ordine del giorno al Governo nazionale e regionale della Calabria.

Sono intervenuti il consigliere comunale Luigi Valeria, di La Sinistra L’Arcobaleno Pdci che ha sottolineato come i gemellaggi uniscano le comunità anche nei momenti difficili per lottare insieme e non abbassare la guardia.

Il consigliere Luca Vallone, del Gruppo Misto, ricordando come l’arrivo di tante persone abbia consentito a Fiorano di crescere socialmente, culturalmente ed economicamente, auspica l’apertura dell’esperienza dei gemellaggi anche alle altre culture, quelle di chi arriva in questi anni dall’estero.

Il consigliere Graziano Bastai, del gruppo Insieme per Fiorano, individua nei gemellaggi la possibilità di confronto e arricchimento reciproco delle cultura; chiede di andare oltre per confrontarsi e affrontare insieme anche le problematiche.

Il consigliere Alessandro Corbelli, del gruppo Partito Democratico ha incentrato il suo intervento sulla frase pronunciata da Falcone: “Chi tace e piega la testa muore ogni volta che lo fa; chi non tace e non piega la testa muore una volta sola”.

Dopo l’approvazione del documento, prima di dare la parola agli ospiti dei comuni gemellati, è intervenuto il sindaco Claudio Pistoni ha ricordato come il Maggio Fioranese sia stato scelto come occasione per riprendere e rilanciare l’incontro con i comuni uniti da vincoli di fratellanza, sviluppando una opportunità di promozione delle culture e turistica dei territori, ma riconoscersi e ritrovarsi è prima di tutto condividere emozioni e amicizia.

 

L’assessore di Onda, comune spagnolo del distretto di Castellon, Carmen Aguilella più Cruz, ha ribadito la comune vocazione economica con Fiorano, individuando nella competitività, nella scuola, della formazione professionale e nelle politiche ambientali il terreno per sviluppare le relazioni fra le due comunità.

 

L’assessore di Nardò Cosimo Caputo ha espresso la sua solidarietà al Comune di San Donato di Ninea, ricordando come il tema della criminalità organizzata riguardi molte regioni d’Italia: anche a Nardò poche settimane fa è stato incendiato l’ufficio urbanistica. Ha poi spiegato che la sua città ha ottenuto tre anni fa la medaglia d’oro al valore civile per l’assistenza data agli Ebrei liberati dai campi di sterminio e in viaggio verso il nascente stato di Israele, per rilanciare l’importanza del rispetto fra le culture e l’impegno a favore dei meno protetti di oggi.

 

Il sindaco di Ozieri Leonardo Ladu vede nei gemellaggi l’opportunità di riflettere sui doveri e sulle responsabilità. Constatando come i suoni della musica sarda riproposti dal Coro di Ozieri siano in grado di emozionare, vede nella cultura e non nella ricchezza la forza per affrontare il futuro.

 

Il sindaco di San Donato di Ninea Luigi Salvo ha definito l’incendio ai pullman una aggressione dall’esterno, perché nel piccolo paese montano non c’è criminalità e non è abituata a conoscere immagini di violenza. E’ un gesto ancora più esecrabile perché colpisce la volontà di rinascita di una comunità decimata dalla emigrazione, che sta organizzandosi per dare risposte nuove e servizi ai suoi cittadini.

Il consiglio comunale di è concluso con lo scambio di doni fra le delegazioni e con l’esibizione del balletto di Ozieri.

La festa, cominciata sabato, è continuata per tutta la giornata coinvolgendo i circoli Nuraghe e Oasi, invadendo la piazza con gli stand gestronomici dei comuni gemellati, con lo spettacolo serale in piazza, con il coro che ha accompagnato la Santa Messa.

@

Concerto corale in Santuario

Nel Santuario di Fiorano Modenese, alle ore 21 di mercoledì 28 maggio , il C
oro S. Lorenzo di Prignano, il Coro della Basilica della Beata vergine del Castello di Fiorano, direttori Lorenzo Casolari e Adriano Taccini, presentano un concerto corale con la partecipazione del contralto Morena Vellani e del Gruppo Musica da Camera Nino Rota, trascrizioni ed adattamenti musicali: Mirko Bondi.

Il programma prevede l’esecuzione dello Stabat Mater e del Gloria di Vivaldi, del Te Deum di Mozart e brani di Haendel, Bach, Liviabella. Musicisti: Flauti: Cristina Vivi, Alice Castagni; Oboe: Alessandro Lei; Clarinetti: Federico Biolchini, Rossana Vecchi, Claudio Ubertosi, Andrea Medici; Tastiere ed Organo: Maria Ines Mammolini, Giuseppe Fantini, Mirko Bondi, Marco Cavazzuti; Violoncello: Irina Martinova; Contrabbasso: Franco Guazzi.

Si ricorda che l’accesso alla Basilica è consentito soltanto ai pedoni per l’apertura del cantiere di riqualificazione di piazza Giovanni Paolo II.

@@

 

Programmma dal 28 maggio a lunedì 2 giugno 2008

 

MERCOLEDI’ 28 MAGGIO 2008

SANTUARIO DI FIORANO ORE 21,00

CONCERTO

Il Coro S.Lorenzo di Prignano

Il Coro della Basilica della Beata vergine del Castello di Fiorano

Con la partecipazione del contralto Morena Vellani

e del Gruppo Musica da Camera “Nino Rota”

Presentano

Stabat Mater (Vivaldi), Gloria (Vivaldi), Te Deum (Mozart) e brani di Haendel, Bach, Liviabella

Musicisti:

Flauti: Cristina Vivi, Alice Castagni

Oboe: Alessandro Lei

Clarinetti: Federico Biolchini, Rossana Vecchi, Claudio Ubertosi, Andrea Medici

Tastiere ed Organo: Maria Ines Mammolini, Giuseppe Fantini, Mirko Bondi, Marco Cavazzuti

Violoncello: Irina Martinova

Contrabbasso: Franco Guazzi

Direttori: Lorenzo Casolari, Adriano Taccini

Trascrizioni ed adattamenti musicali: Mirko Bondi

 

Bocciodromo di Spezzano

25° Trofeo /G.P. Città di Fiorano di bocce/raffa “Bocciofila Fioranese”

@@@

 

Domenica 1 giugno 2008

 

Un evento da non perdere

 

Teatro Astoria Ore 11-00

“Fiorano Incontra gli Autori Nella ricorrenza dei 60 anni dalla morte, incontro con la cultura e i valori dell’India del Mahatma Gandhi.

SUNIL DEEPAK, la verità e la non-violenza vere ricchezze dell’uomo e delle civiltà più avanzate, riflessioni dal libro di Gandhi “Antiche come le montagne”

 

 

Sunil Deepak è nato a Luknow (India) , nel 1954. Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Nuova Delhi, attualmente è responsabile del Dipartimento Medico-scientifico dell Aifo (Associazione Amici di Raoul Follereau, che da decenni si batte contro la “malattia degli ultimi”, la lebbra)

E’ anche giornalista-scrittore e saggista.

Ha scritto diversi racconti in lingua hindi e numerosi articoli scientifici e medici in inglese e in italiano,soprattutto in riviste scientifiche. E’ uno dei massimi conoscitori,  studiosi e divulgatori della cultura, dei valori e delle tradizioni del Suo Paese. Dell’apostolo della non violenza, il Mahatma Gandhi, soprattutto.

L’incontro con il dott Sunil Deepak è quindi un “incontro con la cultura e i valori dell’India del Mahatma Gandhi e del libro “La verità e la non violenza sono antiche come le montagne”  (titolo della prima edizione, nel 1963, a cura delle “Edizioni di Comunità” del mitico Adriano Olivetti. Oggi, il titolo è “Antiche come le montagne”

L’incontro ci offre l’opportunità di conoscere meglio e di più, in diretta, la cultura, le tradizioni millenarie e l’arte dell’India, ma anche quale è la realtà del dinamico, ricchissimo e diversificato (e pieno di contraddizioni) subcontinente indiano, che, con la Cina, giorno dopo giorno, si afferma e consolida come potenza mondiale, per le sue enormi potenzialità e per l’intelligente, prezioso investimento fatto per la formazione e l’istruzione (specialmente nelle discipline tecnico-scientifiche) dei suoi quadri intermedi e dirigenti.

L’India è il “Pianeta” della profonda religiosità (dal bramanesimo all’induismo, al gianismo, al buddismo), dell’arte; della letteratura (con oltre 850 lingue parlate) con capolavori di tutti i generi: dall’epica alla lirica e al teatro, alla narrativa ,con raccolte di novelle  che hanno influenzato gran parte della favolistica occidentale; alla letteratura scientifica.

Ma è e sarà sempre più il Paese delle grandi conquiste tecnologiche e scientifiche e nell’economia, nel business.

 

Mohandas Karamchand GANDHI , detto il Mahatma (cioè “grande anima” in sanscrito. Nome che gli è stato conferito, per la prima volta, dal poeta indiano Rabindranath Tagore) Il nome Gandhi, nella lingua indiana, significa “droghiere” . La sua famiglia, infatti, per un breve periodo, ha esercitato il commercio di prodotti coloniali e  di drogheria

E’ antesignano e simbolo della non-violenza , è la guida spirituale ed il padre della Nazione indiana

E’ nato , il 2 ottobre 1869,  a Porbandar ed è stato assassinato, a Nuova Delhi, presso la Birla House, alle ore 17,00 del 30 gennaio 1948: si stava recando ,accompagnato dalle sue due pronipoti Abha e Manu, nel giardino per la consueta preghiera. E’ stato assassinato, con tre colpi di pistola da un fanatico indù radicale, Nathuram Godse, che aveva legami anche con il gruppo estremista indù Mahasabha. Godse riteneva Gandhi responsabile dei presunti cedimenti del nuovo governo del Pakistan alla fazioni musulmane. Prima di sparare, Godse si è inchinato, in segno di reverenza di fronte a Gandhi. L’assassino è stato condannato a morte e quindi giustiziato , malgrado l’opposizione dei sostenitori di Gandhi, che ha sempre creduto e sempre si è battuto per la non-violenza. Seguendo la volontà di Gandhi, le sue ceneri , ripartite in diverse urne, sono state disperse nei maggiori fiumi del mondo, tra i quali il Nilo, il Tamigi, il Volga e il Gange. Il 30 gennaio 2008, in occasione del sessantesimo anniversario della sua morte, da parte di una sua anziana bisnipote,  è stato disperso, davanti a Mumbay, il contenuto dell’ultima urna non svuotata, che era stata conservata a casa di un amico di Gandhi

Il giorno della sua nascita, il 2 ottobre, è stata scelta dalle Nazioni Unite come Giornata internazionale della non-violenza. In India è giorno festivo.

Due brevi note biografiche sull’apostolo della verità e della non-violenza.

Di origini benestanti (nelle ultime generazioni, la sua famiglia ha ricoperto importanti cariche pubbliche alle corti del Kathiawar –suo padre Mohandas Kaba Gandhi, è stato anche primo ministro del Principato di Rajkot. La sua famiglia è di religione giainista, ma attraverso il padre, è anche induista: nato indù in terra giainista –e consigliato da un guru giainista- Gandhi non ha mai fatto differenze tra le due religioni), all’età di 13 anni, sposa, con un matrimonio combinato (secondo la tradizione indù) Kasturba Gandhi, sua coetanea (in seguito, Gandhi condanna “la crudele usanza dei matrimoni infantili). Hanno 4 figli maschi: All’età di 17 anni , va a studiare nelle Università di Ahmardabad e a Londra, dove si adatta alle abitudini inglesi, vestendosi come un gentleman. Laureato in giurisprudenza,  ha esercitato, per breve tempo (era timido  a parlare, non conosceva  bene il diritto indiano) l’avvocatura a Bombay.

Nel 1893, si reca in Sud Africa con l’incarico di consulente legale per una ditta indiana. Gandhi è un individuo dolce, timido e politicamente indifferente. Ma in Sudafrica entra in contatto con la segregazione dei neri (apartheid) e constata le condizioni di quasi schiavitù in cui vivono i 150 mila suoi connazionali. Questa situazione lo fa maturare come uomo e come politico. Come testimone diretto dell’intolleranza (con anche diversi episodi che lo interessano personalmente. Due per tutti: si rifiuta di togliere il turbante e si ribella al diktat di un giudice del Tribunale di Durban. Per cui viene espulso e non può esercitare la sua professione di avvocato. In treno, nonostante avesse il biglietto di prima classe, viene invitato a passare nella terza classe. Rifiutatosi, viene letteralmente buttato giù dal treno) , del razzismo, dei pregiudizi e dell’ingiustizia verso gli indiani in Sudafrica, Gandhi comincia a riflettere sullo stato del suo popolo e sul proprio posto nella società. Si batte per il riconoscimento dei diritti dei suoi compatrioti e, dal 1906 (aveva 37 anni) comincia la sua eroica lotta basata sulla resistenza nonviolenta, denominata satyagraha, cioè quella resistenza all’oppressione tramite la disobbedienza civile di massa che ha portato l’India all’indipendenza. La satyagraha è fondata sulla satya (verità) e sull’ ahimsa (non-violenza). Con le sue azioni, Gandhi ha ispirato molti movimenti di liberazione e dei diritti civili ed ha ispirato anche molte personalità (tra gli altri :Martin Luther King, Nelson Mandela, Albert Schweitzer e Aung San Suu Kyi)

E’ stato ed è un protagonista del ventesimo secolo. Il suo pensiero, la sua vita e le sue azioni  sono e saranno faro di luce e civiltà anche per il futuro. Il pensiero (anche  se non è possibile cercare di contenerlo in poche righe, anche se è limitativo e non risponde al vero, alla grandezza di Gandhi ) si basa su tre punti fondamentali:

Autodeterminazione dei popoli: Gandhi riteneva fondamentale il fatto che gli indiani potessero decidere come governare il loro paese, perché la miseria nella quale si trovava, dipendeva dallo sfruttamento delle risorse da parte dei colonizzatori britannici;

Non-violenza : è necessario precisare che questo precetto non si ferma ad una posizione negativa (non essere causa di male agli altri) ma possiede in sé la carica positiva della be
nevolenza universale e diventa l’ amore puro comandato dai sacri testi dell’Induismo, dai Vangeli e dal Corano. La non-violenza è quindi un imperativo religioso prima di essere un principio dell’azione politico-sociale. Il Mahatma rifiuta la violenza come strategia di lotta, in quanto la violenza suscita solamente altra violenza, all’infinito. Di fronte ai violenti ed agli oppressori, però, non è passivo, anzi. Egli propone una strategia che consiste nella resistenza passiva , il non reagire, in altre parole, alle provocazioni dei violenti, e nella disobbedienza civile , vale a dire il rifiuto di sottoporsi a leggi ingiuste. Egli sottolinea ;”La mia non-cooperazione non nuoce a nessuno; è non-cooperazione con il male… portato a sistema, non con chi fa il male”

         Tolleranza religiosa : “il mio più intimo desiderio – dice Gandhi- è di realizzare la fratellanza .. tra tutti gli uomini, indù, musulmani, cristiani, parsi, ebrei “. Gandhi sognava la convivenza pacifica e rispettosa dei tantissimi gruppi etnici e delle diverse professioni religiose presenti in India. Queste erano delle ricchezze che dovevano convivere e non dividere politicamente la nazione. Purtroppo, gli eventi non sono andati come sperava-auspicava Gandhi.

Il messaggio che Gandhi ci lascia è molto attuale e la storia contemporanea, purtroppo, continua ad essere macchiata dalla guerra e dalla violenza.

Gandhi, “piccolo, grande uomo”, è riuscito, con le sue sole forze, a sconfiggere il potente Impero britannico e a realizzare il suo grande sogno dell’indipendenza per il suo Paese. E questo, con la forza sbalorditiva della non-violenza, del boicottaggio pacifico, della resistenza passiva e della ricerca della verità (Dio)

Uno dei suoi moniti più attuali, si può riassumere nell’invito  a “cercare .. la propria strada e.. seguirla senza esitazioni” e a “non avere paura”

Tra le tante, tantissime citazioni e moniti di Gandhi, ci limitiamo a ricordarne alcuni:

“La non-violenza è il primo articolo della mia fede e l’ultimo del mio credo”

“Sono un incorreggibile ottimista. Il mio ottimismo si fonda sulla mia convinzione che ogni individuo ha infinite possibilità di sviluppare la non-violenza. Più l’individuo la sviluppa, più esse si diffonderà come un contagio che, a poco a poco, contaminerà il mondo”

“non c’è liberazione per alcuno su questa terra, né per tutta la gente di questa terra, se non attraverso la verità e la non-violenza, in ogni cammino della vita, senza eccezione”

“l’amore non conosce mai la paura”

“la verità (satya) implica amore , e la fermezza (agraha) genera – e quindi ne è sinonimo- la forza. Perciò ho preso a chiamare satyagraha il movimento per l’indipendenza dell’India. Vale a dire: una

forza che nasce dalla verità, dall’amore, dalla non-violenza

Bisogna combattere la violenza. Il bene che pare derivarne è solo apparente; il male che ne deriva rimane per sempre”

“La verità non danneggia mai una causa giusta”

“La violenza da parte delle masse non eliminerà mai il male”

“La vita sulla terra è solo una bolla di sapone”

“Cerca invano chi vuole il ramo e dimentica la radice”

“Che importa se gli uomini ti rifiutano? Dio è pronto a prenderti”

“La forza interiore cresce con la propria preghiera”

“Il livello morale di un popolo si può giudicare dal modo in cui tratta gli animali”

Si potrebbe continuare quasi all’infinito.

Domenica 1 giugno 2008, lo scrittore-giornalista Sunil Deepak ne ricorderà tantissimi altri. Inoltre ci darà un suo testo inedito sull’apostolo della verità e della non-violenza il Mahatma Gandhi

@@@@

 

GIOVEDI’ 29 MAGGIO 2008

Centro Sportivo Menotti Spezzano

Open Singolare Maschile Tennis “G.S. Libertas Fiorano”

 

Bocciodromo di Spezzano

25° Trofeo /G.P. Città di Fiorano di bocce/raffa “Bocciofila Fioranese”

 

Teatro Carani Sassuolo Ore 21-00

Spettacolo “Napoli”  G.S. Libertas Fiorano Danza

 

VENERDI’ 30 MAGGIO 2008

Centro Sportivo Menotti Spezzano

Open Singolare Maschile Tennis “G.S. Libertas Fiorano”

 

Piazza Salvo D’Acquisto dalle ore 16,00

Con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Fiorano “9° Raduno Ely Camper Club Fiorano” Raduno intinerante –sapori e motori dal 30 Maggio al 2 Giugno in collaborazione con Camper Club Italia

 

Bocciodromo di Spezzano

25° Trofeo /G.P. Città di Fiorano di bocce/raffa “Bocciofila Fioranese”

 

Piazza Romolo Cappelli Ore 21,00

musica e animazione BORGHI BROS BAND in concerto

 

SABATO 31 MAGGIO 2008

Vie del Centro di Fiorano dalle ore 19,00 alle ore 24,00

Bancarelle ambulanti

 

Palazzo Astoria Piano Terra Ore 18,00-23,00

“Libri in Festa” vendita libri a cura del “Comitato Fiorano in Festa”

 

Centro Sportivo Menotti Spezzano

Open Singolare Maschile Tennis “G.S. Libertas Fiorano”

Tornei  Singolare Maschile e Femminile Under 16 Tennis “G.S. Libertas Fiorano”

 

Via Santa Caterina dalle ore 19-00 alle ore 24-00

“SAMERCANDO” Stand espositivi

 

Piazza Casa Del Popolo dalle ore 19-00 alle ore 24-00

“L’ISOLA CHE NON C’ERA…..” Area divertimento per bambini …..gonfiabili, giochi e animazione

 

Castello di Spezzano

Sala Contemporanea del Museo della Ceramica

Il riallestimento prevede l’inserimento di un percorso multimediale intorno alla storica pressa Ceppelli: un racconto che valorizza gli aspetti umani e sociali che hanno caratterizzato la fase di transizione dalla produzione manuale della ceramica alla prima industrializzazione con la presenza di testimoni diretti e immagini d’epoca.

 

Castello Spezzano

Mostra del maestro sardo Pinuccio Sciola “Le pietre sonore”

 

Casette Sassi e Guastalla

“ L’informale al buio” Mostra collettiva a cura dell’Associazione Arte e Cultura

 

Piazza Ciro Menotti Ore 21-00

Estrazione buoni spesa promozione “Maggio in Sconto”

 

Piazza Ciro Menotti Ore 21-30

“SERATA ZELIG… tutti in una sera” con LEONARDO MANERA E CLAUDIA PENONI (Il Cinema Polacco), DADO, ANTONIO E MICHELE, LE BARNOS, PABLO (L’attore argentino)

 

 

Parrocchia Spezzano

Sagra Parrocchiale Tornei di pallavolo, giochi. altro……

 

Casette Sassi e Guastalla Ore 22-00 “Area Giovani”  

FANGO (Rock/Pop/Elettrofunk) / JUNGLE JACK (Rock/Indie/Alternative)

Centro Commerciale Fiorano Ore 21-00 “Quartiere Latino”

AKLAMA’

 

DOMENICA 1 GIUGNO 2008

Palazzo Astoria Piano Terra dalle ore 10,00 alle ore 12,00

  “Libri in Festa” vendita libri a cura del “Comitato Fiorano in Festa”

 

Centro Sportivo Menotti Spezzano

Open Singolare Maschile Tennis “G.S. Libertas Fiorano”

 

Salse di Nirano ore 10,00 e ore 15,30

“Rimedi naturali per piccoli malanni” presso Cà Tassi, riconoscimento, raccolta ed essicazione delle erbe spontanee e degustazione di tisane e prodotti locali. Per informazion: Bellei Augusta (G.E.F.I.) Tel. 0536-831796

 

Miniautodromo Jody Scheckter

Trofeo Internazionale “Novarossi” automodelli a scoppi “Racing Mini Car”

 

Strade comunali di Fiorano dalle ore 07,30

28° Cicloraduno ciclismo amatoriale “G.S.Pedale Fioranese”

 

Parrocchia Spezzano


Sagra Parrocchiale Tornei pallavolo, giochi. altro……

 

Casette Sassi e Guastalla

“ L’informale al buio” Mostra collettiva a cura dell’Associazione Arte e Cultura

 

Castello di Spezzano

Sala Contemporanea del Museo della Ceramica

Il riallestimento prevede l’inserimento di un percorso multimediale intorno alla storica pressa Ceppelli: un racconto che valorizza gli aspetti umani e sociali che hanno caratterizzato la fase di transizione dalla produzione manuale della ceramica alla prima industrializzazione con la presenza di testimoni diretti e immagini d’epoca.

 

Castello Spezzano

Mostra del maestro sardo Pinuccio Sciola “Le pietre sonore”

 

Campo Parrocchiale Spezzano

XVII° Torneo di Maggio Calcio  “G.S.Spezzanese” finale

 

Centro Sportivo Menotti Spezzano

Tornei  Singolare Maschile e Femminile Under 16 Tennis “G.S. Libertas Fiorano” fino al 08 Giugno

 

Teatro Astoria Ore 11-00

“Fiorano Incontra gli Autori Nella ricorrenza dei 60 anni dalla morte, incontro con la cultura e i valori dell’India del Mahatma Gandhi.

SUNIL DEEPAK, la verità e la non-violenza vere ricchezze dell’uomo e delle civiltà più avanzate, riflessioni dal libro di Gandhi “Antiche come le montagne”

 

LUNEDI’ 2 GIUGNO 2008

Strade comunali di Fiorano

28° Cicloraduno ciclismo amatoriale “G.S.Pedale Fioranese”

 

Miniautodromo Jody Scheckter

Trofeo Internazionale “Novarossi” automodelli a scoppi “Racing Mini Car”

 

Strade comunali di Fiorano dalle ore15,30

11° tappa Firenze-Modena ciclismo dilettanti “O.C.I.P. Pistoia”

 

Circuito Villaggio Artigiano

G.P. Indust
ria-Artigianato Fioranese ciclismo giovanile “G.S. Spezzano-Castelvetro”

 

 

 

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...