Speciale Formigine: lista Civica “Per Cambiare”

Condividi su i tuoi canali:

Venerdì 30 Gennaio 2009 all'interno del Castello di Formigine, è stata presentata la lista Civica “Per Cambiare” alla quale aderisce l’UDC Formiginese , mediante una conferenza stampa organizzata in una accattivante sala dei Matrimoni.

Il Capo Gruppo della Lista Civica “Per Cambiare”Alfeo Levoni ha illustrato innanzitutto l’opportunità che la loro esperienza  politica venga riproposta anche alle prossime elezioni amministrative di giugno affermando che

“Attualmente, le scelte imposte dalle segreterie dei partiti, stanno allontanando la gente dalla politica. L’UDC, in questo senso, è un’anomalia. Da dieci anni ormai i suoi uomini collaborano con noi, e quindi da tempo ha accettato di “svestirsi” da certi schematismi pur di lavorare insieme per il bene del Comune. L’obiettivo condiviso è di riportare i cittadini al gusto del “fare amministrativo”, dell’operare a favore della propria comunità locale.”

 

Stefano  Bavutti – Coordinatore Lista Civica “Per Cambiare”ha tenuto a precisare la fede ostinata che caratterizza la lista nella ricerca della partecipazione degli abitanti previa una loro corretta informazione . A tal proposito ha detto: 

“C’è una nuova sensibilità tra i cittadini, un’acquisita maturità, che emerge dal costituirsi di comitati spontanei che sorgono per affrontare problemi concreti sui quali i cittadini vogliono dire la loro. Le amministrazioni locali non possono più esimersi, nelle loro scelte, da una corretta informazione e dal necessario coinvolgimento dei cittadini. In questa direzione, noi prevediamo, come primo provvedimento, l’istituzione del Consiglio Comunale aperto da alternare all’attuale, affinché i cittadini possano dibattere liberamente e su qualsiasi tema con l’amministrazione e tutti i consiglieri”

 

Simone Torrini – Dirigente Elettorale UDC Provinciale dal canto suo ha voluto sottolineare la novità che sta adottando la lista civica nella stesura del programma:

“E’ tutto in divenire: esiste un canovaccio di 13 punti, ma nulla vieta che a seguito dei numerosi incontri che da qui in avanti si effettueranno sul territorio, questi possano essere ampliati, modificati o sostituiti con altri. D’altra parte quei punti sono già un primo risultato, essendo una sintesi maturata a contatto con i vari comitati cittadini, dai quali abbiamo raccolto numerosi consensi. Lo stesso discorso vale anche per la squadra dei consiglieri comunali e del candidato Sindaco: si arriverà ad individuare una rosa di nomi al termine di un percorso che si svolgerà con la gente e tra la gente. Siamo convinti che dal contatto “vero” con le persone emergeranno le forze migliori, in grado di rappresentare il paese. E saranno tutte persone scelte tra i residenti nel Comune.”

 

Massimo Vivi – Coordinatore UDC Formigine, non ha mancato di evidenziare l’importanza politica di alcune priorità che non possono essere sottovalutate nel governo del comune:

“Accade spesso che durante le legislature ci si preoccupi più del capoluogo che delle frazioni, relegandole ad un ruolo marginale. Riteniamo invece che certe loro problematiche, il traffico sulla via Giardini a Casinalbo o lungo la via Don Franchini a Magreta, la mancanza di un centro ed il rischio divenire quartieri dormitorio, come ad esempio a La Bertola o a Colombaro, nonché l’assenza di luoghi di socialità ed i pericoli legati al diffondersi della criminalità, siano tutte questioni aperte e di primaria importanza a cui è necessario offrire quanto prima risposte adeguate, anche mediante un impegno costante lungo tutto l’arco della legislatura. Noi lavoreremo per garantire a tutti i cittadini le medesime prerogative.”

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Il ragazzo del treno

I fatti, abbondantemente diffusi da ogni  notiziario, sono  assai  scarni nel loro  orrore. Nella stazione di Seregno, mercoledì 25 gennaio, scoppia  un diverbio, pare per