Speciale Fiorano Modenese

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
Dichiarazione del Sindaco Claudio Pistoni in risposta alle note del consigliere comunale Graziano Bastai (riportate all’interno)

  Il consigliere Graziano Bastai ancora una volta dimostra una buona dose di approssimazione e di non conoscenza dei fatti. Comunque sono sempre le solite cose e si vede che stiamo entrando in campagna elettorale.

Cominciamo dall’edicola;

il costo di 61.000 euro più Iva rappresenta un investimento realizzato dalla Fiorano Gestioni Patrimoniali (la società di proprietà del Comune che può effettuare questo tipo di interventi), sarà ripagato dall’affitto e consentirà di arricchire la piazza di una nuova funzione. Non è perciò un extra-costo.

I costi delle griglie in ghisa e i materiali naturali utilizzati: il Comune opera attraverso appalti ed è la ditta a scegliere i materiali che rispondono alle condizioni e alla qualità richieste nel capitolato. In un libero mercato ed essendo inseriti nella comunità europea, è perlomeno dubbio che si possano applicare limitazioni “territoriali”.

Le pietre naturali utilizzate rispondono ai requisiti di qualità, decoro e bellezza richiesti per qualificare Piazza Ciro Menotti e sono state approvate dalla Sovrintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici.

Il tono di grigio che disturba Bastai è invece stato apprezzato da diverse riviste di architettura che hanno reputato il progetto interessante e degno di pubblicazione. Ma Bastai, se considera stratosferica la spesa per le pietre naturali, dimostra scarsa conoscenza dei costi della ceramica di grandi formati da pavimentazione esterna. Dimostra anche di ignorare le incognite che ancora accompagnano un uso troppo spinto della ceramica in ambienti esterni di grande frequentazione, dove la pavimentazione deve sopportare l’usura di mezzi e strutture pesanti. Sono il primo a credere che i comuni possano svolgere un’azione di sostegno e promozione della ceramica, ma in modo efficace e concreto. Infatti abbiamo in programma di studiare con le aziende un protocollo sulle prestazioni d’uso richieste per utilizzare la ceramica nell’arredo urbano, riguardanti sia i materiali che le tecniche di posa e la manutenzione.

 

Claudio Pistoni, sindaco di Fiorano

 


 

Nota del consigliere comunale Graziano Bastai

 

Gli extra costi piazza non sono finiti ( 70.000,00 euro ora per il chiosco)

La nuova piazza di Fiorano modenese ha avuto un extra costo di circa 183.000,00 euro , di cui vi elenco alcuni costi che ci sembrano un po’ altini, le griglie in ghisa sulle piante che sono costate, la bella cifra di circa 5.000,00 euro l’una, il cittadino le conti e vedrà che bella spesuccia, ma il bello è che sono di produzione austriaca, ma io mi chiedo, in Italia, patria delle ghise meccaniche e da ornamento non avevamo un prodotto un po’ più economico, e poi l’amministrazione decanta in tutte le salse il Made in Italy.

E che dire del materiale di cui è piastrellato la piazza al costo variabile da 100,00euro a 180,00 euro al metro quadro.

Ma il bello viene adesso piazza finita arriva un altro extracosto, circa 70.000,00 per il nuovo gazebo da inserire in piazza, sarà anche questo di produzione austriaca o sarà italiano?

Gli italiani la patria degli ornamenti e dell’arredo urbano in ghisa, del Made in Italy famoso in tutto il mondo, ma noi a Fiorano dobbiamo scegliere straniero.

Una piazza fondamentalmente grigia che spesso mi fa ricordare il Foscolo quando dice (Non sempre i sassi sepolcrali a’ templi fean pavimento) un grigiore proprio che mi porta ai sepolcri di Ugo Foscolo, era forse questo l’intento dell’amministrazione ?

Non sarebbe stato meglio studiare anche con qualche ceramica del nostro comprensorio un materiale da inserire nella piazza che informasse i visitatori del nostro comune che questa è una zona vocata alla ceramica.

Bastai Graziano

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ius Scholae

Fratelli d’Italia: “Bonaccini invece di offendere pensi a risolvere i problemi dei cittadini”Mentre imprese e cittadini sono in ginocchio davanti una grave crisi economica, caratterizzata

“PREMIO EMAS 2022”

L’ Ente Parchi Emilia Centrale vince il “Premio Emas 2022” per la dichiarazione ambientale piú efficace a livello nazionale L’Ente Parchi Emilia Centrale ha vinto